“Sarò in commissione urbanistica, se c’è un problema…”

Intercettato incontro tra il candidato Lombardo e il boss Vella

PALERMO – Due arresti in tre giorni, indagini concluse in due settimane, un intervento in tempi record per evitare l’inquinamento del voto. Ritmi “anomali” per una giustizia ingolfata che solitamente procede in termini di anni. E’ il frutto della nuova organizzazione del lavoro decisa dal procuratore aggiunto Paolo Guido che, su delega dell’ex capo dei pm Franco Lo Voi, coordina ora tutte le indagini di mafia del distretto palermitano. Una scelta, quella di concentrare su un singolo magistrato la guida delle inchieste sulla criminalità organizzata, che aveva sollevato qualche critica, ma che evidentemente dà frutti.

In pochi giorni la Procura, anche grazie alla tempestività dell’ ufficio gip, ha chiuso due indagini su scambi elettorali politico-mafiosi, scoprendo due aspiranti consiglieri comunali di Palermo che avrebbero chiesto i voti alla mafia. A inizio settimana sono finiti in manette un politico di Fi e un costruttore mafioso, ieri un candidato di Fdi e un boss. La svolta è nel metodo investigativo: visione unitaria dei fatti e delle inchieste, la polizia giudiziaria chiamata ad ascoltare le intercettazioni quotidianamente, i pm tenuti ad acquisire le informazioni dagli investigatori in tempo reale, decisioni prese in via esclusiva dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo.

“Sussistono urgentissime esigenze di tutela di beni primari in ragione della prossima competizione elettorale del 12 giugno – così la Procura di Palermo ha motivato al gip la richiesta di arresto del candidato di Fdi al Consiglio Comunale Francesco Lombardo e del boss Vincenzo Vella -: in assenza di adeguate misure cautelari l’esercizio del diritto-dovere di voto di una estesa parte dell’elettorato diverrebbe merce di scambio da assoggettare al condizionamento e all’intimidazione del potere mafioso e dunque sottratto al principio democratico”.

Vella e Lombardo si sono incontrati il 28 maggio scorso nel negozio di ortofrutta del boss, condannato per associazione mafiosa già tre volte. Un trojan piazzato nel cellulare del capomafia di Corso dei Mille ha captato la loro conversazione. “Qualche voto qua lo prendiamo?”, chiede Lombardo a Vella. “Tu sì, tu personalmente sì”, risponde il boss, libero dopo l’annullamento dell’ultima condanna a 20 anni per un vizio di forma. “Me li raccogliete una ventina di voti?”, prosegue il candidato di Fdi. “Se salgo io sono in commissione urbanistica. Sono all’edilizia privata, che appena c’è un problema io salto”, dice, facendo chiaramente capire di essere a disposizione del boss e continua: “Non mi sono sempre messo a disposizione di voialtri a prescindere dalla politica?”. “Quelli nostri tutti li prendi”, risponde Vella.

“Noi altri li abbiamo dati tutti. Tu mi devi fare avere quelli tuoi solo”, diceva Vella smistando fac simili dei candidati al Consiglio Comunale. Non sapendo di essere intercettato dalla Procura di Palermo, parlando con Lombardo, che era andato a chiedergli voti per le elezioni di domenica, il boss fa capire di essersi messo in moto anche per altri candidati. “Così non ci confondiamo”, spiega a Lombardo chiedendogli i fac simili. “Ciao sangù (sangue, espressione dialettale che indica appartenenza allo stesso sangue, vicinanza ndr)”, lo saluta il capomafia.

“Voi siete una sassulata”. “Ciao sangù (sangue, espressione dialettale che indica appartenenza allo stesso sangue, vicinanza ndr)”, lo saluta il capomafia. Nel corso del dialogo Lombardo aveva ribadito di avere appoggi in tutta Palermo. “Mi stanno aiutando in tutta la città”, anche nel quartiere Zen. Vella gli dice espressamente: “Io sono per te, gli altri non mi interessano”, dopo avergli chiesto quanti voti servono per essere eletti al Consiglio. “Ce ne vogliono da 1.300 a 1.400”, risponde Lombardo che ribadisce l’importanza di ogni singolo voto. “Un voto è importante – lo ammonisce – perché con un voto si acchiana (sale ndr) con uno si scinni (scende ndr)”. L’interrogatorio di garanzia di Francesco Lombardo e del capomafia Vincenzo Vella si svolgerà lunedì davanti al gip.

scroll to top
Hide picture