Nessuna deroga Ue per Priolo: ‘Incomprensibile’

Sanzioni sul petrolio. L'assessore: "Palese disparità di trattamento"

“Risulta francamente incomprensibile la mancata richiesta da parte del governo italiano di inserire la raffineria di Priolo tra le deroghe previste nel nuovo pacchetto di sanzioni sul petrolio russo. Siamo davanti ad una abnorme disparità di trattamento che danneggia la Sicilia”. L’assessore alle Attività produttive della Regione siciliana, Mimmo Turano, commenta così le decisioni del Consiglio europeo sullo stop al greggio russo via mare che scatterà il prossimo febbraio.

L’assessore, che ha seguito il dossier sul petrolchimico siracusano per conto del governo Musumeci, sottolinea che “le raffinerie di Priolo come quelle di Burgas in Bulgaria vengono approvvigionate con greggio russo, ma soltanto quest’ultima ha ottenuto il permesso di continuare ad acquistare petrolio dalla Russia fino al 2024”. “E’ evidente – continua l’assessore – la disparità di trattamento nei confronti della Sicilia, soprattutto se consideriamo che in sede di Consiglio europeo sono state concesse deroghe anche a Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia con l’esclusione dell’oleodotto Druzhba dal sesto pacchetto di sanzioni Ue”.

“La raffineria di Priolo si approvvigiona al 100 per cento di petrolio russo da quando il sistema creditizio le ha voltato le spalle. Mi aspetto, a meno che il governo non riesca a strappare una deroga in extremis – conclude Turano – che l’esecutivo nazionale individui un percorso per salvare il petrolchimico siracusano e i suoi oltre diecimila lavoratori”.

scroll to top
Hide picture