Catania: senza green pass, ragazza non sale su bus

Controlli a campione sui mezzi dell'Amts, ispezioni anche a Palermo

CATANIA – Controlli a campione sugli autobus urbani dell’Amts, l’Azienda metropolitana trasporti e sosta di Catania, per accertare se gli utenti che utilizzano i mezzi di trasporto pubblico siano in possesso di green pass. Una studentessa arrivata dalla provincia non è stata fatta salire perché, nonostante avesse già ricevuto la prima dose di vaccino, non era ancora in possesso del ‘certificato verde’. Alcuni passeggeri hanno contestato “il sistema di controllo a campione” perché, hanno sostenuto, “non impedisce a chi è senza green pass di utilizzare i bus dell’Amts se lo utilizzano, salendo e scendendo, prima delle verifiche”.

Controlli a campione anche a Palermo sugli autobus di linea urbana dell’Amat. Sono impegnati 35 impiegati che, con tablet e smartphone, controllano i passeggeri. Dal 9 dicembre l’organico sarà potenziato con l’assunzione di 18 addetti di una ditta privata. “Soltanto al capolinea della stazione c’è stato qualche problema legato all’attesa dei controlli – affermano dall’Amat – da lì partono le linee di alta frequenza e non è stato semplice coniugare velocità e controlli. Negli altri snodi tutto prosegue senza grosse difficoltà”.

Come previsto dal prefetto di Palermo Giuseppe Forlani in campo sono scese diverse pattuglie aggiuntive di carabinieri, polizia, guardia di finanza e polizia municipale. A loro spetta il controllo nei locali, ma anche negli snodi dei mezzi pubblici. Controlli a campione anche sulle linee tram e sui pullman di linea.

Sull’autobus che collega Lercara Friddi a Palermo bloccata una donna che aveva avuto somministrata la doppia dose di vaccino anti Covid, ma non aveva scaricato il green pass e voleva comunque salire. E’ stata bloccata perché sprovvista del certificato e ha protestato vivacemente, tanto da fare intervenire i carabinieri. Il pullman è partito con mezz’ora di ritardo, senza di lei. Dall’Asp hanno successivamente confermato che la signora aveva realmente ricevuto due dosi di vaccino, ma non aveva scaricato il ‘certificato verde’. 

scroll to top
Hide picture