Pozzallo, peschereccio con migranti incagliato al porto

Controlli anti Covid per i 430 profughi, poi il trasferimento nella nave quarantena

POZZALLO (RAGUSA) – Un peschereccio con 430 migranti a bordo, tra cui 13 minorenni, si è incagliato in una secca del porto di Pozzallo, nel Ragusano. Sul posto mezzi della capitaneria di porto, della guardia di finanza, della polizia e dei carabinieri. Il sindaco Roberto Ammatuna è in contatto con la prefettura di Ragusa per la sistemazione dei migranti. 

Le operazioni di trasbordo dei profughi effettuate con alcuni gommoni e un rimorchiatore si sono concluse alle 2 di notte. I migranti, apparsi in buone condizioni di salute, sono stati trasferiti nella palestra comunale per essere sottoposti ai controlli sanitari anti Covid, per poi essere imbarcati su una nave quarantena. 

 

scroll to top
Hide picture