Muore una parente, distruggono l’ospedale

Palermo. I medici: "Scene da far west". Razza: "Dolore non giustifica" FOTO

PALERMO – Una sessantenne ieri è sera è arrivata in codice rosso per un infarto in ospedale. I medici del pronto soccorso dell’ospedale Civico a Palermo hanno fatto di tutto per salvarla, ma la donna è morta. Non appena i sanitari hanno comunicato la notizia del decesso, i familiari della donna hanno danneggiato il pronto soccorso. 

“Abbiamo assistito a scene da far west – raccontano i medici e gli infermieri -. Hanno distrutto tutto quello che trovavano, provocando danni per migliaia di euro”. Per mettere fine alla devastazione sono intervenute diverse volanti della polizia che hanno bloccato i familiari e li hanno identificati e denunciati.

“Devastare un pronto soccorso presidiato da guardie giurate è un atto violento, sconsiderato, insopportabile – scrive sui social l’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza -. Non si può giustificare con il dolore per la scomparsa di un proprio congiunto, arrivato in gravissime e disperate condizioni. Il pronto soccorso, come l’ospedale in genere, è un luogo di sofferenza e di speranza, di vita e di morte. Non possiamo inneggiare agli eroi in camice e poi farci sopraffare dalla emotività che diventa violenza”.

scroll to top
Hide picture