Trovato morto in un maneggio

Giallo a Palermo: scoperto all'alba il cadavere di un 45enne che aveva moglie e figli

PALERMO – Solim Ullah, 45enne originario del Bangladesh da tempo a Palermo con moglie e figli, è stato trovato morto nel maneggio Riders Club nella zona di viale Regione siciliana non distante da Città Giardino.
Lo hanno trovato questa mattina all’apertura dell’attività. Il medico legale non ha trovato segni di violenza. Ancora non sono chiare le cause della morte, la Procura ha disposto l’autopsia.
Ullah era incensurato, con permesso di soggiorno e lavoro regolare. Quando è stato trovato era morto da diverse ore. Secondo la prima ricognizione del medico legale il decesso è da collocare fra le 22 e mezzanotte di ieri.
Il 45enne, che vive in centro storico ospite di una famiglia di connazionali, è arrivato ieri sera nel residence Città Giardino a bordo del suo motociclo e lo ha parcheggiato poco distante dal maneggio. Secondo i residenti non lavorava nella struttura e nessuno lo aveva mai visto prima.
Non è chiaro però come abbia fatto a entrare nel maneggio: per la polizia o ha scavalcato la recinzione o qualcuno gli ha aperto il cancello. Rimane il giallo sul motivo per cui il bengalese che vive in centro storico, a circa 10 chilometri di distanza abbia deciso di andare il motorino in un maneggio così lontano.

scroll to top
Hide picture