Resto al Sud, pioggia di euro per start-up siciliane

Incentivi della Regione per sostenere la ripartenza

PALERMO – Per favorire la ripresa economica e sostenere le start-up siciliane, messe in difficoltà dalla pandemia da Covid-19, la Regione siciliana rende disponibile anche per il 2021, a chi ha scelto di avviare le proprie attività imprenditoriali in Sicilia usufruendo degli incentivi “Resto al Sud”, uno strumento finanziario rafforzato con il quale sostenere lo sviluppo d’impresa e contrastare l’emigrazione di giovani professionalità, in questo periodo di grave crisi economica.
Dal 15 al 31 maggio, pertanto, sarà possibile presentare l’istanza ai fini del riconoscimento per l’anno 2021 del contributo, erogabile sotto forma di credito d’imposta, previsto dall’art. 17 della L.R. 12.05.2020, n. 9, riservato ai soggetti beneficiari della misura agevolativa “Resto al Sud”.
I fondi disponibili ammontano a 1,7 milioni di euro. Il credito è parametrato ad alcune voci d’imposta di spettanza regionale tra le quali: l’addizionale regionale Irpef, la tassa automobilistica per gli automezzi di proprietà immatricolati in Sicilia e strettamente necessari al ciclo di produzione o per il trasporto in conservazione condizionata dei prodotti e l’imposta di registro, ipotecaria e catastale e di bollo per l’acquisto di beni immobili ricadenti nel territorio regionale, purché connessi allo svolgimento dell’attività.
“Come lo scorso anno – dice il vicepresidente assessore all’Economia, Gaetano Armao – le start-up beneficiarie di ‘Resto al Sud’ possono contare su un ulteriore contributo, sotto forma di credito d’imposta, che mira ad accrescere l’efficacia, sul territorio regionale, della misura agevolativa gestita a livello nazionale da Invitalia.
La misura, conosciuta anche come ‘Resto in Sicilia’ è destinata a proteggere le neo-imprese siciliane dall’onda anomala causata dalla pandemia e rientra tra le iniziative che il governo Musumeci sta mettendo in atto al fine di mettere in condizione di sicurezza le attività economiche siciliane”. Le istanze dovranno essere compilate utilizzando l’applicativo – accessibile mediante Sistema pubblico di Identità digitale (Spid), livello 2 – che sarà reso disponibile alla pagina dedicata: https://restoalsud.regione.sicilia.it.

scroll to top
Hide picture