Abusivismo, sequestri nella Valle dei Templi

Agrigento. Sigilli a gazebo e strutture chiuse, indagato il titolare di un punto ristoro  

AGRIGENTO – Gazebi, strutture chiuse, un patio, una cisterna idrica, ma anche uno scivolo per disabili. I carabinieri per la Tutela del patrimonio culturale, assieme ai militari della Compagnia di Agrigento, hanno sequestrato più strutture abusive all’interno del Parco della Valle dei Templi. E lo hanno fatto in esecuzione di un provvedimento del gip del Tribunale di Agrigento su richiesta della Procura.
Un’indagine avviata – nell’ambito della campagna “Tutela del patrimonio paesaggistico e dei siti archeologici marini” – nell’ottobre del 2019 che ha permesso d’accertare che non era stata concessa alcuna autorizzazione dalla Soprintendenza per i beni archeologici, né dal Parco per le opere realizzate sulla struttura originaria “Case Valenti” della Valle dei Templi.
Il provvedimento di sequestro preventivo attesta il concreto pericolo che “la libera disponibilità di quanto sopra indicato possa aggravare o protrarre le conseguenze dei reati ipotizzati, in quanto vi è il rischio che l’uso delle res approfondisca ed aggravi la lesione dei beni giuridici protetti”, così scrive il gip del tribunale di Agrigento nella motivazione del decreto eseguito dai carabinieri del nucleo Tpc di Palermo. Iscritto nel registro degli indagati il legale rappresentante della società che gestisce il punto di ristoro, al quale vengono contestati i reati di abusivismo edilizio, opere illecite, uso illecito e opere eseguite in assenza di autorizzazione o in difformità di essa.

scroll to top
Hide picture