Palermo, variante brasiliana in anziano vaccinato

PALERMO – L’unità di microbiologia e virologia dell’azienda ospedaliera Villa Sofia-Cervello attraverso test di indagine di sequenziamento genico ha identificato la variante brasiliana ‘P.1’ in un paziente Covid-19 che era già stato vaccinato. Ne dà notizia l’azienda Villa Sofia-Cervello di Palermo.

Come da protocollo ministeriale, si è provveduto alla notifica e alla trasmissione al laboratorio regionale di riferimento. Il paziente di 83 anni, immunodepresso, vaccinato con Pfizer, dopo pochi giorni dalla seconda dose è arrivato al pronto soccorso del Cervello accusando “sintomatologia respiratoria e intestinale clinicamente significative”.

Una volta effettuata la diagnosi clinica e microbiologica con tampone molecolare, l’anziano è stato subito ricoverato in terapia intensiva respiratoria e grazie alla collaborazione di pronto soccorso, malattie infettive, intensiva respiratoria, microbiologia e virologia dell’azienda ospedaliera palermitana – hub per il Covid-19 – “è stato identificato quale paziente altamente sospetto di essere portatore di una variante genica”, come appunto è stato poi verificato.

“In atto – si legge in una nota – il paziente è in trattamento di supporto intensivo delle funzioni vitali”. L’unità di microbiologia e virologia dell’azienda ospedaliera Villa Sofia – Cervello, diretta da Orazia Diquattro, ha identificato la variante brasiliana ‘P.1’ attraverso test di indagine di sequenziamento genico con tecnica Ngs.


© La Sicilia Multimedia s.p.a.| p.iva 03655570871