8.2 C
Catania
08 Dic 2021

Ragusa, sala angiografica per l’emodinamica

SaluteRagusa, sala angiografica per l’emodinamica

Pronta nel reparto di Emodinamica dell’ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa la seconda sala angiografica. Uno spazio di ultima generazione allocato in maniera speculare a quella già esistente che risponde alle indicazioni delle più recenti linee guida sulla dotazione strutturale dell’Emodinamica e della Cardiologia Interventistica, in particolare in tempi di pandemia.
La dotazione di due sale consente, non solo la gestione in totale sicurezza dell’infarto miocardico acuto – in caso di guasto o occupazione contemporanea di una sala – essendo sempre disponibile la seconda, speculare, per una procedura, ma anche di non interrompere l’attività nel caso in cui sia stata eseguita una procedura a un paziente Covid positivo.
Inoltre, il pieno utilizzo della seconda consentirà di dedicare l’esistente sala pacemaker all’attività di Radiologia Interventistica per il trattamento delle patologie delle vie biliari o degli accessi vascolari nei pazienti in emodialisi.
“Ho visto nascere l’Emodinamica a Ragusa. Questo risultato è un tassello di grande importanza nella crescita e sviluppo dell’Interventistica Cardiovascolare di tutta la provincia – sottolinea Antonino Nicosia, direttore dell’UOC Emodinamica -. La nuova sala, tecnologicamente all’avanguardia, consentirà l’ottimizzazione dell’attività di Elettrofisiologia Interventistica provinciale. Un’azione che stiamo portando avanti in armonia con il direttore della Cardiologia di Modica. Un’altra attività è quella dell’Interventistica vascolare che stiamo realizzando in stretta collaborazione con l’U.O.S. di Chirurgia vascolare per mettere in sicurezza assoluta la gestione delle emergenze cardiologiche e dell’infarto miocardico acuto in provincia”.
Dello stesso avviso il direttore dell’UOC di Cardiologia di Modica, Sabrina Ficili e il responsabile della Nefrologia e Dialisi dell’ospedale Maggiore di Modica, Walter Morale: “Un grande successo, frutto del rapporto di proficua cooperazione, basato sulla sinergia organizzativa non solo interaziendale ma anche interdisciplinare che si basa sull’avanzato supporto tecnologico”.

Correlati