19.2 C
Catania
18 Ott 2021

Caos sanità, Pd Sicilia lancia #musumecidimettiti

SiciliaCaos sanità, Pd Sicilia lancia #musumecidimettiti

PALERMO – L’assemblea regionale dei circoli del Partito Democratico della Sicilia chiede le dimissioni immediate del presidente della Regione, Nello Musumeci, “affinché vengano restituite ai siciliani l’occasione e il diritto di affidarsi nuovamente alle istituzioni attraverso un governo credibile, competente e legittimato dal voto popolare”.
“#Musumecidimettiti” è il titolo della raccolta firme che è stato deciso di lanciare attraverso una petizione lanciata attraverso la piattaforma Change.org, disponibile al seguente link: http://chng.it/hycj99RN4Y, il cui primo firmatario è il segretario del Pd Sicilia, Anthony Barbagallo.
“Siamo preoccupati. I siciliani sono preoccupati – afferma Barbagallo – per la gestione dell’emergenza sanitaria nell’Isola. Non si capisce più nulla, è il caos più totale. La Sicilia oggi è su tutti i giornali perché è la prima regione d’Italia per numero di vaccini somministrati alla voce ‘altro’, cioè persone che non avevano diritto di essere vaccinate. Adesso vogliamo i nomi”.
“Come se non bastassero il fallimento del contact tracing, le terapie intensive a scomparsa, le file interminabili agli hub vaccinali, le code di ambulanze fuori ai pronto soccorso, i decessi ‘spalmati’ e altre 258 povere persone morte per Covid di cui non si sapeva nulla. La gente – prosegue il segretario Dem – non sa più a chi credere, il danno in termini di mancanza di fiducia nelle istituzioni è incalcolabile. Di tutto ciò l’unico responsabile è Nello Musumeci, inadatto a gestire in quanto commissario per l’emergenza e inadeguato politicamente perché non ne azzecca una”.
La decisione di avviare la petizione e una mobilitazione quotidiana – laddove possibile anche fisica – arriva al termine di una partecipata assemblea regionale dei segretari di circolo, che si è tenuta ieri sera sulla piattaforma Zoom, durante la quale i segretari dei circoli, vere antenne Dem sul territorio, hanno riportato, ciascuno per il proprio territorio di appartenenza, le preoccupazioni provenienti dalla popolazione e i timori per una situazione ormai sfuggita da ogni controllo.

Correlati