Dichiara il falso nell’autocertificazione: assolto

Per il giudice di Milano "non c'è obbligo di verità", nessuna conseguenza penale per un 24enne 

MILANO – Il 14 marzo dello scorso anno un 24enne era stato fermato alla stazione ferroviaria milanese di Cadorna e aveva giustificato il suo spostamento con motivi di lavoro. I successivi controlli avevano stabilito che in realtà quel giorno non era di turno e che, quindi, aveva dichiarato il falso.
Il 24enne è finito in tribunale, ma per lui non ci sono state conseguenze penali. Il giudice dell’udienza preliminare lo ha assolto “perché il fatto non sussiste”, accogliendo peraltro la richiesta della stessa Procura di Milano.
Nella sentenza si legge che “è evidente come non sussista alcun obbligo giuridico, per il privato che si trovi sottoposto a controllo nelle circostanze indicate, di ‘dire la verità’ sui fatti oggetto dell’autodichiarazione sottoscritta, proprio perché non è rinvenibile nel sistema una norma giuridica”.
Le autocertificazioni, strumento usato dalle autorità italiane dall’inizio della pandemia di coronavirus non sono ancorate a nessun articolo di legge. Colui che sceglie “legittimamente di mentire per non incorrere in sanzioni penali o amministrative” non può essere condannato, Costituzione italiana alla mano.
Tuttavia per i positivi che violano la quarantena, invece, la storia è differente: l’ufficio del giudice delle indagini preliminari milanese ha stabilito che tale circostanza è un reato e quindi nessuna inchiesta di questo genere deve essere archiviata.

scroll to top
Hide picture