Ex Province, 7 anni di rinvii

Governo regionale battuto in aula con voto segreto: le elezioni saltano per l’ennesima volta

Ex Province, 7 anni di rinvii

PALERMO – Nuovo rinvio del voto per le ex Province in Sicilia. E’ da sette anni che le elezioni, pur di secondo livello, vengono rinviate per i motivi più svariati.

Questa sera l’ennesimo stop al voto, previsto per il 28 e 29 marzo di quest’anno. Il governo contrario al rinvio è stato battuto in aula col voto segreto: 38 favorevoli e 16 contrari a un emendamento, votato in Assemblea siciliana, che ha rimandato le elezioni.

Le ex Province furono abolite con legge regionale nel 2013, allora la norma fu spinta dal governo di Rosario Crocetta. Gli enti furono trasformati in Liberi Consorzi e vennero istituite le tre città metropolitane di Palermo, Catania e Messina: ma da allora si sono succeduti commissari nominati dalla Regione.

Intanto gli enti sono entrati in profonda crisi finanziaria. Contro il rinvio ha votato Forza Italia, ma tanti sono stati i franchi tiratori nella maggioranza che sostiene il governo Musumeci.


Correlati