Panettiere ucciso: arresto tra le proteste

Freddato a Floridia perché aveva buttato fuori tre ragazzi dal negozio: in carcere 24enne difeso da amici e parenti

Panettiere ucciso: arresto tra le proteste

SIRACUSA – I carabinieri di Siracusa hanno arrestato Dylan Foti, 24enne accusato di avere ucciso a Floridia con due complici all’epoca minorenni, nel settembre del 2016, il panettiere Sebastiano Sortino con colpi di pistola.

Nei suoi confronti militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza della Corte d’appello di Catania dopo la conferma della condanna a 16 anni e otto mesi di reclusione.

Al momento del suo arresto, come era accaduto 4 anni fa, amici e parenti di Foti si sono riuniti davanti alla caserma di Floridia per protestare contro l’operato dei militari.

Secondo le indagini dei carabinieri l’omicidio fu una vendetta dei tre giovani dopo una lite con il panettiere, che li aveva cacciati dal suo locale perché davano fastidio. I tre lo uccisero con una pistola, poi ritrovata, mentre Sortino rientrava a casa in auto.

Furono anche ripresi da una telecamera di videosorveglianza mentre esultavano per la vendetta appena portata a termine. I due minorenni sono stati condannati uno a 15 anni e sei mesi di reclusione e l’altro a 16 anni e sei mesi.


Correlati