Ai domiciliari senza luce preferisce il carcere

Singolare richiesta di un 22enne in commissariato a Catania: era uscito due settimana fa dal penitenziario di Ragusa

Ai domiciliari senza luce preferisce il carcere

CATANIA – Un giovane di 22 anni agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, R.L., si è presentato a Catania agli agenti del Commissariato di Nesima chiedendo di essere messo in carcere perché casa sua era senza corrente elettrica.

Il giovane è stato arrestato per evasione dai domiciliari. R.L. era stato scarcerato l’11 novembre dalla casa circondariale di Ragusa ed era stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Su disposizione del pm di turno, è stato accompagnato a casa e sottoposto nuovamente agli arresti domiciliari.Non è la prima volta che viola le misure cautelari.


Correlati