In Sicilia il coronavirus non accelera, ma provoca ancora una vittima

Sono 156 i nuovi casi (6.500 i tamponi): 88 a Palermo, 20 a Catania e 20 a Ragusa Il dettaglio per provincia. Ricoverato il sindaco di Villafrati, salgono a 3 i pallanotisti palermitani contagiati. Sospesa attività chirurgica nell'ospedale di Lentini

Un altro decesso per Covid in Sicilia: a perdere la vita è stato un 72enne di Palermo. Secondo i dati di oggi sono 156 i nuovi casi di contagio nell’Isola (ieri 170), su circa 6.500 tamponi effettuati. Un ricovero in più in terapia intensiva (da 19 a 20), ma anche 85 tra dimessi e guariti.
Questa la suddivisione dei nuovi positivi per provincia: 88 a Palermo, 20 a Catania e a Ragusa, 10 a Messina, 6 a Trapani, 5 a Siracusa e ad Agrigento, 2 a Caltanissetta.
RICOVERATO IL SINDACO DI VILLAFRATI. Il sindaco di Villafrati, Francesco Agnello è stato ricoverato all’ospedale Civico di Palermo. Le sue condizioni si sono aggravate, tanto che è stato necessario il trasporto in ospedale nei reparti Covid. Con lui anche il segretario comunale Sebastiano Furitano, ricoverato per precauzione. A Villafrati, una delle prime zone rosse in Sicilia, i nuovi positivi sono 65, quindi 32 in più rispetto al precedente bollettino. Tanti i messaggi di solidarietà rivolti dai cittadini al sindaco e al segretario di pronta guarigione. Agnello è stato sempre in prima linea in questi mesi quando il primo focolaio nella casa di cura Villa delle Palme aveva creato non poche apprensioni.
5 POSITIVI: SOSPESA ATTIVITA’ CHIRURGICA A LENTINI. “L’ospedale di Lentini non è chiuso per emergenza covid”. L’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa smentisce il contenuto di un cartello affisso all’ingresso dell’ospedale in provincia di Siracusa. “La direzione medica di presidio che non ha assunto alcuna decisione in tal senso e ha avviato una indagine interna per scoprirne l’autore” spiega l’Asp.
La Direzione medica ha reso noto invece che a causa del riscontro di “5 casi di positività al Covid 19 nel reparto di Chirurgia, e’ stata temporaneamente sospesa l’attività chirurgica. Il personale risultato positivo è stato posto in isolamento domiciliare. Gli ambienti interessati sono stati sottoposti a sanificazione ed è in corso il tracciamento dei contatti. A titolo cautelativo è stata temporaneamente sospesa l’attività in elezione mentre l’attività in urgenza continua ad essere garantita nel pieno rispetto della sicurezza sia degli utenti che del personale dipendente”. Temporaneamente sospesa l’attività degli sportelli Cup all’interno del presidio ospedaliero, operativi nella sede di piazza Aldo Moro.
A PALERMO 3 PALLANOTISTI POSITIVI. Salgono a tre i giocatori del Telimar Palermo positivi al coronavirus. A Francesco Lo Cascio si aggiungono Mario Del Basso e Fabrizio Di Patti. Lo comunica la società che insiste nel far presente che sono sempre stati rispettati i protocolli anticovid, con l’unica eccezione di una foto fatta festanti alla fine della Fase 2 di Coppa Italia. “Avendo ora la Federnuoto imposto di fare i tamponi alle squadre con le quali i nostri atleti sono entrati in stretto contatto giocando le partite di Coppa – dice il presidente Marcello Giliberti – stanno venendo fuori altre positività, che hanno portato a rinviare tutte le partite interessate previste per la prima giornata di Campionato. Il tema è delicato e complesso, in ballo c’è la salute pubblica”.
CONTAGIATA UN’INSEGNANTE DI PARTINICO. Una docente dell’istituto comprensivo Casa del Fanciullo, nel plesso in via Fogazzaro a Partinico, è risultata positiva al Covid. Il dirigente scolastico Carmelo Belfiore lo ha comunicato all’Asp di Partinico che inizierà il tracciamento degli alunni e dei docenti che sono stati a contatto con l’insegnante. La scuola resta aperta.
ITALIA: SCHIZZANO I CASI. Schizzano i contagi per Covid 19 in Italia: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 2.548 nuovi casi, un incremento che non si verificava da oltre cinque mesi e che è stato individuato con un numero di tamponi record, 118.236, circa 13 mila più di ieri. Il totale dei contagiati dall’inizio dell’emergenza sale a 317.409. Risale anche l’incremento del numero delle vittime: 24 in un giorno, contro le 16 di ieri, per un totale di 35.918.
“Gli oltre 2.500 casi potrebbero essere una prima conseguenza della riapertura delle scuole, avvenuta ormai due settimane fa”, rileva il fisico Giorgio Sestili, fondatore e fra i curatori della pagina Facebook “Coronavirus: Dati e analisi scientifiche”. Tuttavia, rileva l’esperto, “il rapporto fra il numero dei casi e quello dei tamponi eseguiti resta ancora molto basso”.
Sono 52.647 gli attualmente positivi, 1.384 più di mercoledì. I dati del ministero della Salute confermano inoltre la crescita dei pazienti ospedalizzati: nelle terapie intensive ci sono oggi 291 persone, 11 in più nelle ultime 24, mentre nei reparti ordinari sono 3.095, cinquanta più di ieri. Il totale dei dimessi e dei guariti sale invece a 228.844 con un incremento di 1.140 in un giorno.

scroll to top
Hide picture