Saguto condannata a 8 anni

Caltanissetta: l’ex giudice era accusata di gestione clientelare delle nomine per l’amministrazione dei beni mafiosi TUTTE LE ALTRE CONDANNE

Saguto condannata a 8 anni

CALTANISSETTA – Il tribunale di Caltanissetta ha condannato a 8 anni e 6 mesi l’ex presidente della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo Silvana Saguto, accusata di avere gestito in modo clientelare, in cambio di denaro e favori, le nomine degli amministratori giudiziari dei patrimoni sequestrati e confiscati alla mafia.

Nel corso del processo Saguto era stata radiata dalla magistratura dal Csm. “C’è una sentenza, finalmente. Parla la sentenza”, dice il procuratore aggiunto di Caltanissetta Gabriele Paci.

L’ex amministratore giudiziario Gaetano Cappellano Seminara, che secondo l’accusa sarebbe stato tra i professionisti del cerchio magico della giudice aggiudicandosi incarichi per milioni, è stato condannato a 7 anni e 6 mesi, il marito dell’ex giudice Saguto, Lorenzo Caramma, che avrebbe avuto illegittimamente da Cappellano consulenze a 6 anni e 2 mesi.

L’ex prefetto di Palermo, Francesca Cannizzo, è stata condannata a 3 anni. A un anno e 10 mesi è stato condannato l’avvocato Walter Virga, amministratore giudiziario del patrimonio milionario degli imprenditori Rappa; mentre il docente universitario Carmelo Provenzano ha avuto 6 anni e 10 mesi. Roberto Nicola Santangelo ha avuto 6 anni e 2 mesi. Il figlio di Silvana Saguto Emanuele Caramma, 6 mesi, Roberto Di Maria 2 anni e 8 mesi, Maria Ingrao, 4 anni e 2 mesi, Calogera Manta, 4 anni e 2 mesi, l’ex colonnello della Dia Rosolino Nasca 4 anni.

Sono stati assolti il padre della Saguto, Vittorio Pietro Saguto, accusato di riciclaggio, l’amministratore giudiziario Gabriele Aulo Gigante e Lorenzo Chiaramonte, per anni giudice a latere nel collegio della Saguto che rispondeva di abuso d’ufficio.


Correlati