Più controlli sulla movida di Catania: “Se necessario chiuderemo vie e piazze”

Covid: il prefetto annuncia un aumento della vigilanza nel fine settimana. Blitz delle forze dell’ordine a San Berillo FOTO

Più controlli sulla movida di Catania: “Se necessario chiuderemo vie e piazze”

CATANIA – Un incremento delle attività di controllo, specialmente quelle antiassembramento, soprattutto nelle principali zone della movida di Catania, è stato previsto per il prossimo fine settimana, in applicazione delle norme anti Covid-19, dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato e presieduto dal prefetto Claudio Sammartino.

In particolare è stata predisposta attività di vigilanza nel centro e nel lungomare della città con la collaborazione della polizia locale e dei militari dell’esercito impegnati nell’operazione ‘Strade sicure’. Analoghe iniziative si terranno negli altri comuni della città metropolitana.

Ci sarà anche la possibilità di chiudere strade e piazze nei centri urbani in cui si possono creare situazioni di assembramento.

Intanto è stata effettuata un’operazione di controllo interforze nel quartiere San Berillo Vecchio. Diverse le perquisizioni, identificate 57 persone, tra cui otto extracomunitari: uno è stato invitato a presentarsi per regolarizzare la propria posizione sul territorio nazionale.

Un gambiano inoltre era ricercato da un anno perché destinatario di un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per reati in materia di stupefacenti emersi dall’operazione “The Wall”. Contemporaneamente alle attività di polizia, sono state effettuate operazioni di pulizia straordinaria da parte della Dusty.


Correlati