Vandali e sbandati al polifunzionale

di Tonino Demana. Catania: la struttura di via Zurria utilizzata anche per nascondere droga FOTOVIDEO

Vandali e sbandati al polifunzionale

CATANIA – Ostaggio dei vandali, luogo insospettabile per nascondere droga, rifugio di fortuna per sbandati o di abili ricettatori: è l’ampia offerta del polifunzionale di via Zurria, meglio conosciuto come ex macello, che racchiude anche una palestra, la piscina, gli uffici comunali, la sala riunioni della Prima Municipalità e l’auditorium “Vito Papotto”, abbandonato e devastato dalle incursioni barbariche.

Raid continui e sistematici mirati a distruggere quel che rimane con vetri in frantumi, sedie scaraventate una sull’altra, arredi devastati e attrezzature informatiche ormai fuori uso, ma comunque buone per essere definitivamente distrutte.

Dentro e fuori si respira aria di abbandono e di illegalità: ignoti hanno persino segato le grate metalliche di un cancello per accedere all’interno della struttura.

“La situazione peggiora di giorno in giorno – afferma un dipendente comunale che ci chiede di mantenere l’anonimato – la Digos viene spesso da queste parti; il sospetto è che qualcuno nasconda droga dietro ai cespugli e poi c’è il problema dei vandali che devastano tutto. La scomparsa del custode, avvenuta quattro anni fa, ha peggiorato le cose, visto che adesso il polifunzionale è privo di sorveglianza.

“Dal mio insediamento ho affrontato lo stato di abbandono del centro polifunzionale di via Zurria – precisa il presidente della Prima municipalità, Paolo Fasanaro -. Mi sono personalmente impegnato a far sgomberare l’ex casa del custode occupata abusivamente, ho presentato una mozione che ha permesso di provvedere alla riparazione delle tubazioni dell’acqua dell’intero centro che presentavano copiose perdite; dopo aver preso contatto con i gestori della palestra ne ho richiesto ed ottenuto la riapertura, ed è ancora in corso di svolgimento l’operazione di recupero del salone ‘Papotto’, attualmente nella disponibilità della direzione Servizi sociali, che intendiamo restituire al quartiere per organizzare attività ed eventi culturali e ricreativi. Assistiamo a continui furti e scassi anche per il semplice piacere di vandalizzare la struttura comunale.

Chiedo alle forze dell’ordine di porre maggiore attenzione al centro di via Zurria ed alle vie limitrofe – conclude Fasanaro ed allo stesso tempo invito l’Amministrazione comunale a provvedere alla riparazione dell’impianto di illuminazione, installare le telecamere e quindi di impegnarsi concretamente alla riqualificazione del polifunzionale”.

In attesa di interventi, l’ex macello continua ad essere depredato ed oltraggiato sotto lo sguardo attonito dei bambini e di quanti si avventurano nella giungla del polifunzionale.


Correlati