Viagrande: accolgono la figlia ai domiciliari, lei li costringe a scappare da casa

Genitori vessati da una 23enne già arrestata per violenze nei confronti della figlia di 2 anni: stavolta scatta il carcere

Viagrande: accolgono la figlia ai domiciliari, lei li costringe a scappare da casa

VIAGRANDE (CATANIA) – Con il suo comportamento vessatorio ha costretto i suoi genitori ad abbandonare la casa in cui vivevano a Viagrande dopo che l’avevano accolta per farle scontare gli arresti domiciliari. Il gip ha deciso di inasprire la misura cautelare ordinando il suo trasferimento nel carcere di Messina.

Protagonista della vicenda è una donna di 23 anni arrestata il 7 luglio scorso dai carabinieri con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, estorsione, furto in abitazione e uso indebito di carta di credito. Le indagini dei militari avevano fatto emergere violenze fisiche e psicologiche commesse nei confronti della figlioletta di due anni che andavano avanti già da tempo.

In particolare la giovane, madre di due bambine di 5 e 2 anni nonché di un maschietto di 2 mesi, pur abitando in casa dei genitori del compagno, avrebbe fatto uso di sostanze stupefacenti chiedendo continuamente denaro per l’acquisto della droga.

La donna, a seguito del provvedimento restrittivo che per sei mesi le sospendeva anche la responsabilità genitoriale, ha usufruito della possibilità di vivere nell’abitazione dei genitori invece che in carcere. Ma anche questo tentativo è stato vanificato dal comportamento dell’indagata, che ha costretto i genitori ad abbandonare la loro casa e a presentare un esposto ai carabinieri poi sfociato nel nuovo provvedimento della magistratura.


Correlati