Ragusa, riconoscimento precoce dei deficit della memoria

di Nuccio Sciacca – Secondo gli specialisti il processo può essere rallentato

Ragusa, riconoscimento precoce dei deficit della memoria

Si è conclusa la prima fase del progetto di screening della memoria “Metti alla prova il tuo cervello!” organizzato dal Centro di Psicogeriatria e Riabilitazione Cognitiva dell’Asp di Ragusa. Scopo del progetto era quello di individuare le possibili forme iniziali e precoci di “Deficit Cognitivi Lievi” al fine di attuare le opportune strategie riabilitative e terapeutiche per arrestare o quantomeno rallentare l’evoluzione dei sintomi.

L’iniziativa ha riscosso un grande successo. Sono stati somministrati oltre 100 test con risultati che spingono a ulteriori riflessioni. Come spiega il responsabile del progetto, Salvatore Dipasquale (nella foto) «gli utenti ci hanno segnalato una sensazione soggettiva di difficoltà di attenzione, concentrazione e memoria, che era stata sottovalutata nel tempo sia da loro stessi sia dai familiari, ma che poi di fatto ha trovato conferma nei test somministrati».

Significativi i primi risultati emersi: il 60% dei test è risultato sotto il punteggio soglia (cut-off), con una maggiore incidenza nel sesso femminile – 60% vs 54% – e sopra i 60 anni di età – 57%. Ciononostante, il 45% degli utenti al di sotto dei 50 anni di età ha ottenuto un punteggio sottosoglia.

«Un punteggio sotto il cut-off – continua Dipasquale – non vuol dire che si sta sviluppando un disturbo cognitivo, quanto semmai che i deficit emersi vanno approfonditi al fine di attuare le opportune strategie diagnostiche, terapeutiche e riabilitative al fine di eliminare o, quantomeno, migliorare queste difficoltà».

A tale proposito, tutti gli utenti che hanno ottenuto un punteggio sottosoglia saranno ricontattati per effettuare ulteriori approfondimenti a partire da settembre. Il progetto si è avvalso dell’apporto fondamentale della psicologa Anna Miccichè, dei due tecnici di riabilitazione Martina Ingallinera e Vincenzo Greco nonché del supporto logistico e organizzativo dello staff del Centro, ovvero l’infermiera Maria Incrisciano e gli operatori Concetta Interlinge, Michele Cutrale e l’assistente sociale Elisa Cicero.

Il Centro di Psicogeriatria e Riabilitazione Cognitiva dell’Azienda Sanitaria, conclude Dipasquale “è nato proprio con l’obiettivo di accogliere, con professionalità e competenza, una domanda sempre crescente di utenti che lamentano sintomi cognitivi ancora lievi sui quali, fortunatamente, si può intervenire”.

“Metti alla prova il tuo cervello!” ripartirà a ottobre. Si prevede di collaborare con il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp e con i medici di base di Ragusa al fine di ampliare la platea dei destinatari dello screening e ottenere ulteriori dati per avviare nuovi progetti di prevenzione.


Correlati