“San Berillo e corso Sicilia super vigilati”

Sinergia forze dell’ordine-cittadini per riportare legalità nel centro storico di Catania 

“San Berillo e corso Sicilia super vigilati”

CATANIA – Ennesimo blitz interforze a San Berillo, uno dei quartieri storici con il più alto di illegalità. San Berillo vecchio è stato sempre al centro dell’attenzione dell’Autorità provinciale di pubblica sicurezza: a partire dai periodici servizi notturni anti-prostituzione per proseguire con i particolari interventi contro i posteggiatori abusivi e spacciatori di droga.

Numerose sono state le operazioni della Squadra mobile che ha effettuato arresti di cittadini stranieri coinvolti anche in organizzazioni criminali locali e nazionali. Negli ultimi due mesi, la polizia ha effettuato una ventina di arresti di soggetti che gravitano nel rione San Berillo, stroncando le attività illecite commesse in quella zona, a fronte di numerosi di controlli “su strada” a persone (centinaia di identificati) e veicoli e di controlli a locali ed esercizi pubblici nonché di decine d’interventi effettuati dalle Volanti, nell’arco di appena dieci giorni.

Senza dimenticare che sono giornalmente presenti in corso Sicilia pattuglie interforze con compiti di anti-abusivismo che presidiano quell’area nell’arco delle 12 ore giornaliere, liberando i portici dalla presenza di numerosi abusivi.

“Il questore ringrazia il Comitato dei cittadini di Corso Sicilia ed i loro componenti per la loro attenzione sul rione di San Berillo. Grazie alle loro sollecitazioni, in sede di Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica con il prefetto sempre attento alle esigenze della zona, abbiamo deciso un importante potenziamento di servizi. E lo abbiamo fatto dispiegando da tempo, in particolare nell’ultimo mese, oltre alle Volanti della Polizia e alle Radiomobili dei Carabinieri, esclusivamente in quella specifica area, ben due pattuglie dedicate di forze di polizia e una dell’Esercito, che effettuano soste operative in determinati punti che riteniamo particolarmente sensibili.

Questa è la modalità operativa che riteniamo più adeguata alle esigenze di vigilanza atte a garantire interventi tempestivi e proprio grazie a queste abbiamo impedito reati ma, soprattutto, immediatamente assicurato alla giustizia i responsabili di quelli commessi nei giorni precedenti, come ampiamente riportato anche dalla stampa. Noi siamo presenti. È continua l’interlocuzione con i cittadini, direttamente o per il tramite del Comitato al quale ribadiamo l’impegno a continuare con sempre maggiore determinazione nell’ambito di quella che è la nostra specifica competenza e ringraziandolo per le preziose informazioni che fornisce direttamente o per il tramite della stampa.”


Correlati