Beccati a Taormina gli albergatori furboni

La finanza scopre 17 hotel che da anni tenevano per sé le tasse di soggiorno. Sottratti alle casse comunali quasi 500.000 euro

Beccati a Taormina gli albergatori furboni

TAORMINA – Per anni non hanno versato al Comune quanto incassato a titolo di tassa di soggiorno dai turisti che soggiornavano nei loro hotel. Un ammanco scoperto dai finanzieri di Messina che hanno sequestrato circa mezzo milione di euro ai responsabili di 17 strutture alberghiere di Taormina.

L’operazione nasce da un’indagine dei militari che ha portato all’emissione di un decreto di sequestro preventivo disposto dal gip. Le indagini hanno consentito di accertare che i legali rappresentanti di importanti hotel della perla dello Jonio, che per la riscossione delle somme dovute per l’imposta di soggiorno del comune di Taormina rivestivano la qualità di incaricati di pubblico servizio, si sono appropriati, nel tempo, delle somme ricevute dai propri clienti.

L’attività investigativa nasce da un censimento delle strutture ricettive del comprensorio di Taormina, Giardini Naxos e Letojanni. Dalle indagini è emerso che gli albergatori finiti sotto la lente di ingrandimento della finanza, violando una delibera del consiglio comunale del 2012 che ha approvato il regolamento dell’imposta di soggiorno nelle strutture alberghiere del territorio, erano inadempienti nei confronti dell’ente.

Più in particolare, dall’analisi della documentazione acquisita è venuto fuori che avevano ricevuto diffide di pagamento a cui sono rimasti totalmente indifferenti. Tra il 2013 e il 2018 sarebbero stati sottratti alle casse comunali 468 mila euro. Agli indagati è contestato il reato di peculato.


Correlati