Stabilizzazione precari, Tranchida nei guai

Il sindaco di Trapani indagato per falso e turbata libertà del procedimento

Stabilizzazione precari, Tranchida nei guai

TRAPANI – Il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, è indagato per falso e turbata libertà del procedimento nell’ambito di un’inchiesta sulla stabilizzazione di alcuni precari.

L’indagine, condotta dalla Guardia di finanza e coordinata dalla Procura di Trapani, rappresenta un secondo troncone dell’inchiesta che ha coinvolto il sindaco di Favignana, Giuseppe Pagoto.

A Tranchida è stato notificato dalla Procura un avviso di conclusione indagini che vale anche come informazione di garanzia.

Secondo le Fiamme Gialle, i reati sarebbero stati commessi sia quando ricopriva la carica di sindaco a Erice e ora che guida il Comune di Trapani.

“Mi è stato notificato dalla Guardia di finanza, su richiesta della Procura, un avviso di conclusione delle indagini e contestuale avviso di garanzia. La Procura mi contesta – ha commentato Tranchida – in particolare, due presunte ipotesi di reato: falso ideologico e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. I presunti fatti di reato s’inquadrano in una più generale e annosa ‘questione meridionale’ che di recente, come nel passato ha visto protagonisti tutti i comuni siciliani (Trapani compreso) che si sono dovuti occupare del fenomeno del precariato”.

“Nel merito della vicenda giudiziaria, quest’ultima attiene al caso di due lavoratori precari del comune di Favignana, provenienti dal comune di Erice. Orbene, non mi sarà difficile dimostrare nelle opportune sedi la liceità del mio operato – afferma il sindaco – d’altronde nella mia storia politico-amministrativa ho sottoscritto, al pari di altri sindaci, centinaia se non svariate migliaia di atti tutti legittimi, diversamente non si spiegherebbe la mia specchiata fedina penale. Nel corso della mia lunga carriera amministrativa – da molti miei avversari politici invidiata – non ho mai indotto alcuno ad adottare presunte procedure non conformi a legge”.

“Continuerò la mia azione amministrativa con più forza, determinazione e passione con il solo scopo di migliorare la città di Trapani e la qualità della vita dei suoi cittadini che con la giunta mi onoro di servire; per il sottoscritto la politica è stata sempre passione ed impegno al servizio delle comunità – conclude – Ho sempre avuto fiducia nell’operato della magistratura, sia quella inquirente che quella giudicante, ed affronterò con assoluta serenità la vicenda giudiziaria, certo – come sono – che l’esito riconoscerà la bontà e la legittimità del mio operato”.


Correlati