Librino, ripartono lavori al S. Teodoro

Ripresa la riqualificazione dell’impianto utilizzato dai Briganti. Pogliese e Parisi: “Struttura di elevata valenza sociale”

Librino, ripartono lavori al S. Teodoro

Dopo uno stop forzato dovuto a questioni burocratiche inerenti pagamenti spettanti all’impresa esecutrice, il cui via libera dei commissari di liquidazione dei debiti del comune è arrivato solo dieci giorni fa, sono ripresi a ritmo serrato i lavori del campo di San Teodoro a Librino.

Stamani l’assessore allo Sport Sergio Parisi, il presidente della federazione rugby Sicilia Orazio Arancio e il neo presidente dell’associazione I Briganti Mirko Saraceno, hanno effettuato un sopralluogo nel cantiere per riqualificazione del campo gestito dai volontari dell’associazione di Librino, che ha finalmente riaperto i battenti per realizzare le opere di ristrutturazione dell’impianto, che rappresenta un importante luogo di incontro per i ragazzi del popoloso quartiere.

“Sono felice di questa svolta importante – ha commentato il sindaco Salvo Pogliese – arrivata dopo tante tribolazioni. Completare quel campo per la valenza sociale che riveste è sempre stato un impegno portato avanti con fermezza e purtroppo fermato da fattori esterni alla nostra volontà, come ben sanno coloro che hanno tentato di strumentalizzare questa vicenda. Voglio ringraziare l’assessore Sergio Parisi che con coerenza, pazienza e determinazione insegue questo risultato dai primi giorni di giugno del 2013, quando nell’ultima riunione della giunta guidata dal sindaco Stancanelli, propose l’avvio di un iter di utilizzo dell’impianto che poi ha subito alterne vicende amministrative e burocratiche, senza contare gli atti vandalismo. Ora guardiamo avanti con fiducia per consegnare quanto prima ai ragazzi dell’associazione de I Briganti un impianto attrezzato, sperando che non sorgano altri intoppi di una burocrazia che purtroppo limita moltissimo la nostra azione”.

I lavori appaltati due anni fa con il 38% di ribasso, su una base d’asta di 710 mila euro e inseriti nel Patto per Catania, consistono nel rifacimento del manto erboso e l’abbattimento e ricostruzione di un muro di cinta, per consentire di allargare il “green” a misure regolamentari per le attività agonistiche.

Particolarmente soddisfatto l’assessore allo Sport e alle politiche comunitarie Sergio Parisi, che ha sottolineato “la sinergia positiva con la federazione rugby presieduta da Orazio Arancio e anche con i Briganti del neo presidente Saraceno, per realizzare un comune percorso di condivisa crescita sociale e sportiva. Riprendere i lavori dopo i ritardi accumulati nei mesi scorsi per fattori non dipendenti da noi, è stata una realtà dura da accettare e finalmente stiamo riuscendo a ripartire con slancio, come è necessario che avvenga in un quartiere importante come Librino”.


Correlati