Guerra per incidente: famiglie si massacrano

Sparatoria e pestaggi a sangue, scattano gli arresti a Palermo. Protagoniste anche le donne 

Guerra per incidente: famiglie si massacrano

PALERMO – Una faida familiare innescata da un banale incidente stradale, culminata in una sparatoria per strada a Palermo, ha portato all’arresto di tre persone. Antonino Gargano, 42 anni, Davide Gargano, 38 anni, e Gianluca Giordano, di 28, sono stati arrestati dai carabinieri con le accuse di rissa, lesioni personali, deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso, tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di arma da sparo.

Sarebbe stato il danneggiamento di un’automobile la scintilla che avrebbe fatto scaturire la sparatoria del 16 settembre 2019, avvenuta al culmine di una lite tra due famiglie che vivono nel rione palermitano dei Danisinni.

I colpi di arma da fuoco sarebbe stati l’epilogo di una vera e propria guerra tra le due famiglie, i Giordano e i Gargano, che avrebbe avuto tra le protagoniste più combattive alcune donne.

Sangue e piombo a Palermo

Secondo le indagini dei carabinieri, al centro della lite finita con il ferimento di alcune persone ci sarebbe il danneggiamento della Ford Fiesta dei Gargano da parte di uno scooter.

Pochi minuti prima della sparatoria Davide Gargano venne malmenato a sangue per avere chiesto spiegazioni sulla dinamica dell’incidente. L’uomo fu letteralmente massacrato di botte, tanto da costringerlo al ricovero in terapia intensiva per giorni. L’aggressione non venne digerita dalla famiglia Gargano e scattò il raid punitivo contro Giuseppe Giordano e il figlio Gianluca. Entrambi vennero feriti.


Correlati