Omofobia, due aggressioni in pochi giorni

Nel calatino una rissa è scoppiata dopo alcune offese a una giovane. Alla Vucciria ferito al volto un 34enne che aveva difeso una trans

Omofobia, due aggressioni in pochi giorni

Un’aggressione a sfondo omofobo sarebbe avvenuta a Caltagirone dove una giovane gay è rimasta coinvolta in una rissa originata da offese omofobe. Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri. E’ stata sentita da militari dell’Arma, ma al momento non risultano presentate denunce. A sostegno della giovane donna è intanto intervenuta l’Arcigay di Catania con il presidente Armando Caravini.

“Sono fiero della ragazza – dichiara Caravini – perché non solo ha deciso di metterci la faccia, denunciando pubblicamente l’accaduto e diventando esempio per tanti/e che oggi hanno paura, ma per aver affrontato una situazione difficile. Ha portato con sé l’orgoglio di essere ciò che si è, dichiarando esplicitamente sono fiera di essere lesbica. Questa ulteriore violenza – aggiunge il presidente di Arcigay Catania – ci fa comprendere quando sia indispensabile una legge contro l’omobitransfobia che a breve sarà discussa in parlamento e ci auguriamo approvata in fretta per colpire e punire i vigliacchi omofobi che agiscono contro chi vuole essere ciò che si è e amarsi alla luce del sole. Siamo già in contatto con la ragazza per dare tutto il sostegno di cui ha bisogno mettendoci a sua disposizione”.

Episodio di intolleranza anche a Palermo, dove la scorsa settimana un 34enne che gestisce alcune strutture ricettive ha cercato di difendere una trans aggredita alla Vucciria ma è stato ferito al volto. Il giovane con alcuni amici aveva deciso di trascorrere una serata nel mercato storico del capoluogo, uno dei luoghi molto frequentati la sera. Mentre stava tornando a casa ha notato due persone che discutevano animatamente. Il giovane si stava rivolgendo verso la trans con tono minaccioso deridendola, insultandola e umiliandola.

Una scena che ha provocato la reazione del 34enne che è intervenuto in soccorso della trans. Ha avuto il tempo di dire qualche parola per cercare di fermare quell’aggressione ed è stato colpito al volto con un pugno che gli ha provocato una ferita suturata con 8 punti. Il giovane non ha presentato denuncia.


Correlati