Sicilia tiene Covid a bada, ma spende 130 milioni per nuovi posti letto

Nessun decesso e un solo contagiato in più, ma anche zero guariti. Potenziate le terapie intensive negli ospedali. In Italia 8 morti, il numero più basso da mesi

Sicilia tiene Covid a bada, ma spende 130 milioni per nuovi posti letto

Rimane quasi nulla la presenza del coronavirus in Sicilia. Nelle ultime 24 ore nessun decesso e un solo caso di positività (su oltre duemila tamponi), ma anche nessun guarito. Quattro le persone ricoverate in terapia intensiva, 130 gli attuali malati.

PIU’ POSTI LETTO NEGLI OSPEDALI SICILIANI. La Sicilia potenzia le terapie intensive e sub intensive. E’ la misura di rafforzamento, prevista dal decreto legge del 19 maggio 2020, che interviene sulla rete ospedaliera in emergenza Covid adottata dal governo regionale. Sono complessivamente 1.070, infatti, i nuovi posti letto: circa duecento nelle terapie intensive e altri 350 di terapia sub-intensiva, di cui la metà potrà essere immediatamente convertita in cure intensive in caso di necessità a causa della pandemia.

“E’ la dimostrazione – commenta il presidente della Regione, Nello Musumeci – che non abbassiamo la guardia. Ovviamente, ci auguriamo di non dovere mai adoperare nessuno di questi nuovi posti, ma in caso di necessità saremo pronti anche stavolta”.

L’investimento complessivo è di circa 131 milioni di euro, di cui 56 per le terapie intensiva e 53 per la sub-intensiva. Per la ristrutturazione dei pronto soccorso, con la separazione dei percorsi assistenziali e le aree di permanenza, invece, sono stanziati 21 milioni di euro.

Ecco i dati dei posti letto in terapia intensiva programmati per provincia.
Agrigento passa da 24 della rete ospedaliera a 38 (e 30 in subintensiva).
Caltanissetta da 22 a 36 (18).
Catania da 144 a 171 (88).
Enna da 12 a 28 (8).
Messina da 70 a 106 (48).
Palermo da 164 a 212 (96).
Ragusa da 30 a 40 (22).
Siracusa da 37 a 53 (16).
Trapani da 26 a 36 (24).

OTTO MORTI IN ITALIA. Sono 175 oggi i nuovi casi di contagiati da Coronavirus, in calo rispetto a ieri quando erano stati 259. Il numero totale dei casi sale così a 240.136. Tra le regioni, sempre in testa la Lombardia, con un 77 nuovi casi che corrispondono al 44% del totale, seguita dall’Emilia Romagna, che fa segnare 44 casi in più. Trend discendente anche per le vittime: 8 in più, il numero più basso dall’1 marzo, mentre ieri erano state 30. Complessivamente i morti salgono a 34.716.

RIPARTE L’ATTIVITA’ DELL’OASI DI TROINA. Dopo 102 giorni di chiusura riparte, seppur ancora in maniera ridotta e graduale, l’attività sanitaria nell’Istituto Oasi Maria Santissima di Troina. La struttura di ricerca e cura, che ospita disabili mentali gravi, dal 19 marzo ha fatto registrare 178 persone positive al Covid e sei decessi, uno dei quali non riferibile al coronavirus.

Nessun caso oggi si registra nella struttura che ha fatto istituire alla Regione una delle zone rosse in Sicilia. Da lunedì, rientrata l’emergenza sanitaria, ci sarà la parziale riapertura all’utenza con i primi quaranta ricoveri di riabilitazione, distribuiti tra la Domus Mariae e la Cittadella dell’Oasi, mentre sono differiti, al momento, i ricoveri per gli acuti e le prestazioni ambulatoriali.


Correlati