Ponte a Lampedusa, esposto di Mareamico

Il viadotto collegherebbe il porto vecchio con quello nuovo. L’associazione ambientalista: “L’area ha vincoli paesaggistici”. VIDEO

Ponte a Lampedusa, esposto di Mareamico

No a un ponte a Lampedusa. Nell’isola, come denuncia l’associazione ambientalista Mareamico, intendono realizzare, all’interno dello specchio acqueo del suo porto, un ponte per collegare il Porto vecchio con il Porto nuovo, in un’area sottoposta a numerosi vincoli di tipo paesaggistico, ambientale e anche archeologico.

“Tale viadotto, lungo più di 130 metri, verrebbe sostenuto da piloni che dal fondo marino si ergono per reggere un ponte, proprio di fronte un’area di interesse archeologico (Cala Salina) – spiegano l’associazione in una nota -. Giova ricordare che l’isola di Lampedusa è vincolata da un piano paesaggistico giustamente restrittivo che non prevede e non può tollerare un’opera che comporta un tale impatto visivo che andrebbe a modificare definitivamente il paesaggio”.

Mareamico si oppone alla realizzazione di tale progetto e ha presentato un esposto alle autorità competenti, al fine di accertare eventuali irregolarità. “L’intervento su Cala Salina – ha replicato il sindaco Totò Martello – era stato previsto già nel 2015 nell’ordinanza 39 del Cipe, durante la precedente amministrazione”.


Correlati