Truffa al sistema sanitario: 5 fermati

Palermo. Società mascherata da Onlus ha gestito il trasporto di emodializzati: stipendi elargiti come rimborsi. Razza: “Ladro due volte chi imbroglia sulla salute”. VIDEO

Truffa al sistema sanitario: 5 fermati

PALERMO – Avrebbero svolto servizi di trasporto dei pazienti per conto della Asp attraverso una Onlus, ma sono stati arrestati con l’accusa di frode e truffa.

La Guardia di Finanza di Palermo ha eseguito un’ordinanza di misure cautelari emessa dal gip del Tribunale nei confronti di cinque persone che ruotavano attorno alla onlus Cuore Giovane di Monreale. Ai domiciliari sono finiti i coniugi Giuseppe Sammartino, 53 anni, dipendente della Seus, società che gestisce il 118, la moglie Maria Lunetta, 42 anni, Gaspare Consiglio, 47 anni e Calogero Alaimo, 58 anni, infermiere dell’Asp di Caltanissetta.

Obbligo di dimora per Gennaro D’Errigo, 50 anni, dipendente Seus. Sammartino, Lunetta e Alaimo sono accusati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode in pubbliche forniture. Alaimo e D’Errigo per falso.

Il gip ha anche disposto il sequestro preventivo della onlus Cuore Giovane e di oltre un milione di euro. L’associazione per conto dell’Asp di Palermo svolge il servizio di trasporti emodializzati e per conto della Seus il servizio di emergenza-urgenza 118 quando, a giudizio della centrale operativa, i mezzi di soccorso non sono sufficienti.

“L’associazione Cuore giovane – spiegano le fiamme gialle – è stata gestita con scopo di lucro, perseguendo gli interessi privati degli amministratori, in contrasto con le norme cosiddetto terzo settore e camuffando gli stipendi elargiti ai volontari, in realtà dipendenti, come rimborsi”.

Secondo gli investigatori durante la stipula e rinnovo delle convenzioni con l’Asp, gli indagati hanno prodotto falsi attestati relativi alla partecipazione degli autisti soccorritori e barellieri a corsi formalmente rilasciati da associazioni abilitate, ma di fatto auto-procurati con la complicità di Alaimo infermiere dell’Asp di Caltanissetta e D’Errigo, dipendente della Seus.

Grazie alle false attestazioni di requisiti la Cuore Giovane Onlus ha potuto accedere alle convenzioni pubbliche, frodando sia l’Asp che la Seus, che le avevano affidato i servizi e ottenendo ingenti fondi pubblici a fronte di servizi resi in assenza dei requisiti richiesti. Il gip ha nominato anche un custode giudiziario.

“Chi ruba soldi destinati alla salute dei cittadini è ladro due volte perché sottrae risorse che, come l’esperienza di queste settimane insegna, sono fondamentali per la erogazione dei livelli essenziali di assistenza. Se i protagonisti sono dipendenti del sistema sanitario si impongono decisioni forti che vanno adottate con immediatezza”, ha commentato l’assessore alla Salute della Regione Sicilia, Ruggero Razza.

“Ringrazio l’autorità giudiziaria e mi complimento con la Guardia di Finanza per la brillante operazione investigativa – aggiunge -. Le autorità tutte sanno che da parte della Regione continuerà ad esserci la collaborazione istituzionale necessaria e doverosa per alzare la barriera della etica pubblica”.


Correlati