Codacons chiede chiarimenti al Cannizzaro: “Segnalata prassi rischiosa per anziani”

Catania. L’associazione: “E’ vero che gli over 75 non affetti da coronavirus devono per forza transitare dal blocco Covid?”

Codacons chiede chiarimenti al Cannizzaro: “Segnalata prassi rischiosa per anziani”

Il Codacons chiede chiarimenti ai vertici dell’Azienda ospedaliera Cannizzaro di Catania sul regolamento anti-covid per gli over 75. “Tante segnalazioni descrivono l’esistenza di un regolamento interno dell’ospedale per i soggetti con più di 75 anni che, non affetti da coronavirus, transitano dal blocco Covid prima di essere ricoverati nel relativo reparto. Sembrerebbe, infatti, che per i primi accertamenti, la persona arrivata al Cannizzaro, per potersi ricoverare nell’unità specifica e ricevere le dovute cure, debba effettuare gli ulteriori controlli nel blocco Covid. Ma questo solo se la persona ha dai 76 anni in su”.

“Naturalmente prosegue il Codacons – qualora fosse davvero così solo le persone più anziane, e dunque più vulnerabili, verrebbero a contatto con i pazienti affetti da coronavirus, in spregio alle regole più importanti. D’altra parte, un’operazione fondamentale raccomandata nelle linee guida dell’Infection Control è quella della separazione degli accessi in pronto soccorso e dei percorsi interni per i pazienti Covid e non Covid. Pertanto, se gli over 75 non affetti da coronavirus vengono temporaneamente ospitati nell’Unità Covid del Cannizzaro si verifica una promiscuità amplificatrice del rischio di contagio”.

L’associazione chiede quindi un incontro immediato con i vertici dell’azienda “perché ci chiariscano se esiste un regolamento per gli over 75, cosa prevede e su quali motivazioni scientifiche si poggi. Questo anche per rassicurare la cittadinanza ed evitare di far confluire le persone bisognose di assistenza esclusivamente verso gli altri presidi ospedalieri della città”.


Correlati