Ragusa, bassa la mortalità infantile

di Nuccio Sciacca – Il primario della Neonatologia, Spata: “Continuiamo a mantenere alta l’attenzione”

Ragusa, bassa la mortalità infantile

Secondo gli ultimi dati Istat, riguardanti la mortalità infantile in Italia, la provincia di Ragusa, si colloca, nel panorama italiano, come una delle realtà con la percentuale più bassa nell’anno 2016 con 2:16, rispetto alla media nazionale di 2,75 per mille, quindi al di sotto della media nazionale.

Nel 2017 la media della provincia ragusana è invece di 3:14, con una media nazionale di 2:75. Comunque sia per l’anno 2016 che per il 2017 il territorio ibleo si colloca sempre al secondo posto rispetto alle altre province siciliane.

“Sono diversi gli elementi che possono determinare la mortalità infantile: la salute e la condizione della madre; la nascita e i primi giorni di vita del bambino; qualità dei servizi sanitari dedicati alla maternità e all’infanzia, salubrità delle abitazioni, contesti socio-ambientali – spiega il primario dell’Utin (Unità Terapia Intensiva Neonatale) dell’ospedale “Giovanni Paolo II”, Francesco Spata – purtroppo in Italia si registra un andamento a doppia velocità”.

“Infatti, nelle regioni del Sud si registrano tassi molto più alti di mortalità infantile rispetto alle regioni del Centro e del Nord. Questo è determinato dal fatto che ci sono risorse minori in termini strumentali, strutturali e di personale. Il dato della Sicilia è pari 4,15 per 1.000, un divario, rispetto a quello di Ragusa che ci incita ad avere sempre una alta attenzione come è stato finora nel territorio ragusano”.


Correlati