Brandara a giudizio per inquinamento

L’ex commissaria dell’Irsap è imputata nel Messinese per la gestione del depuratore di Giammoro: “In mare reflui contaminati”

Brandara a giudizio per inquinamento

BARCELLONA POZZO DI GOTTO (MESSINA) – L’ex commissaria dell’Irsap (Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive), Maria Grazia Brandara, è stata rinviata a giudizio dal Gip di Barcellona, Salvatore Pugliese, per inquinamento ambientale in concorso con Alberto Dondi, gestore del depuratore di Giammoro, a Pace del Mela.

Secondo il pm Matteo De Micheli, scrive il quotidiano La Sicilia che riporta la notizia, i due imputati non avrebbero gestito l’impianto secondo le regole “cagionando abusivamente una compromissione e un deterioramento significativo e misurabile” del mare, in cui venivano riversati reflui “contaminati”. La prima udienza del processo si terrà il 24 febbraio prossimo davanti il Tribunale di Barcellona in composizione monocratica.

Maria Grazia Brandara è presidente dell’Industria siracusana acqua Ias e da sindaco di Naro guiderà il Consorzio agrigentino per la legalità che include anche i Comuni di Licata, Favara, Siculiana e Palma.

E’ indagata, assieme, tra gli altri, all’ex governatore Rosario Crocetta e agli ex assessori regionali Linda Vancheri e Mariello Lo Bello, dalla Procura di Caltanissetta nella seconda tranche dell’inchiesta per corruzione all’ex leader di Confindustria Sicilia Antonello Montante.


Correlati