Continuità territoriale in Sicilia, c’è l’ok

Approvato in Senato l’emendamento di Italia Viva. Faraone e Sudano: “Assicurato diritto alla mobilità, non saremo più cittadini di Serie B”. Soddisfazione anche dal Pd siciliano

Continuità territoriale in Sicilia, c’è l’ok

ROMA – Ieri sera è stato approvato dalla Commissione Bilancio del Senato l’emendamento sulla continuità territoriale in Sicilia che garantirà ai siciliani lo stesso diritto alla mobilità che è attualmente applicato alla Regione Sardegna.

“È stata riconosciuta una cosa ovvia, che però in tutti questi anni tanto ovvia non era e cioè che la Sicilia è un’isola – ha detto il capogruppo di Italia Viva in Senato Davide Faraone che assieme a Valeria Sudano e Matteo Renzi sono i primi firmatari dell’emendamento -. Nessun ponte, niente treni ad alta velocità, prezzi degli aerei alle stelle: può andare nel continente solo chi se lo può permettere, una roba da Medioevo. Finalmente da stanotte non è più così”.

“Per il primo anno saranno riconosciute tariffe sociali per le persone con disabilità, lavoratori e studenti, nel frattempo si terrà una gara fra i vettori aerei e dal secondo anno ci sarà un sensibile abbattimento delle tariffe per tutti. Una vittoria storica che dedichiamo a tutti i siciliani”.

“Abbiamo voluto una legge strutturale che riconoscesse la nostra situazione di oggettivo svantaggio e che a regime consentirà a tutti i siciliani di non essere più cittadini di Serie B, garantendo loro un diritto alla mobilità al pari di tutti gli altri”, aggiunge la senatrice Sudano.

“Finalmente sarà possibile bandire gare, nel rispetto delle regole comunitarie – prosegue la Sudano – per l’assegnazione di tratte agevolate per l’intero territorio siciliano. E’ una misura strutturale che riguarda tutti i siciliani, non solo alcune categorie, come previsto dalle tariffe sociali, che saranno applicate per il 2020, e che assicura il diritto alla mobilità sostenibile”.

“Le gare saranno gestiste dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che valuterà quali rotte saranno agevolate. Si è tentato più volte di arrivare a questo risultato e finalmente la Sicilia avrà la stessa misura di perequazione della Sardegna sul trasporto aereo. E’ l’acquisizione di un diritto che attendevamo da tempo e che finalmente è realtà”.

“Ringrazio tutti coloro che hanno firmato la nostra petizione sostenendoci in questa giusta battaglia – conclude la senatrice -. Ringrazio Matteo Renzi che ci ha creduto, il nostro capogruppo Davide Faraone e tutti colleghi di Italia Viva che in Senato hanno combattuto insieme a me per assicurare ai siciliani una mobilità sostenibile economicamente”.

In una nota il commissario regionale in Sicilia del Partito Democratico, Alberto Losacco, esprime soddisfazione per il risultato raggiunto dal governo. “Ieri sera, con il voto favorevole della maggioranza, è stato approvato un emendamento in commissione Bilancio del Senato sulla continuità territoriale in Sicilia. Tutto questo consentirà collegamenti a prezzi accessibili, ponendo fine alle speculazioni che si registrano soprattutto nei periodi festivi e che rendono inaccessibile il ritorno a casa per tanti siciliani. Un ringraziamento particolare a tutti i colleghi della maggioranza che in Senato hanno lavorato a questa proposta e in particolare a quelli del Partito Democratico che l’hanno sostenuta con convinzione. È un fatto di grande rilievo, perché finalmente si tutela e garantisce il diritto alla mobilità dei cittadini siciliani”. Lo dice


Correlati