Decentramento, Catania avrà sei municipi

Il sindaco Pogliese: “Impegno elettorale assunto, sarà garantita una maggiore vicinanza alle problematiche dei quartieri”

Decentramento, Catania avrà sei municipi

CATANIA – Il Consiglio comunale di Catania, con venti voti favorevoli e quattro astenuti, ha adottato il regolamento sul Decentramento urbano ed il funzionamento degli organi dei Municipi del Comune di Catania, un atto che delinea un vero e proprio decentramento funzionale e gestionale con la ripartizione delle decisioni tra gli organi centrali e quelli periferici. Il regolamento attribuisce nuove competenze prima non previste agli organi del decentramento: in materia di lavori pubblici, edilizia scolastica, urbanistica, assetto del territorio e Prg i Municipi diranno la loro anche nella fase programmatica; per la viabilità, la manutenzione di strade e piazze, il verde anche con l’utilizzo di risorse assegnate.

“La nuova ripartizione in Municipi – ha detto il sindaco Pogliese – era uno degli impegni elettorali che avevamo assunto. Il regolamento assume una grande valenza per i cittadini e assicura una maggiore vicinanza alle problematiche dei quartieri che avranno una più dinamica risposta alle loro esigenze. Al decentramento – ha proseguito il sindaco – abbiamo dato un grande ruolo fin dal nostro insediamento, mantenendo un rapporto costante coi rappresentanti eletti nelle varie zone cittadine. Ringrazio il Consiglio comunale per l’importante decisione e in particolar modo la commissione consiliare competente presieduta da Seby Anastasi, che aveva anche elaborato una propria autonoma iniziativa, alla proposta originaria adottata nei mesi scorsi dalla Giunta comunale”.

Ogni Municipio sarà dotato di un Responsabile burocratico che dovrà interfacciarsi con l’assessore al Decentramento, il presidente del Municipio, le articolazioni comunali competenti in materia. Dovrà inoltre segnalare tempestivamente, ove necessario, le criticità che richiedono un intervento urgente sulle varie questioni inerenti, tra altre, le attività manutentive.

Di particolare rilievo, anche nella logica delle economie di spesa, la previsione che considera effettiva la presenza del consigliere alle sedute, al fine della corresponsione dei gettoni di presenza, rapportata a un tempo pari almeno al 50% della durata complessiva della riunione oppure con una partecipazione di almeno 30 minuti consecutivi; le sedute dei consigli dei Municipi, al pari delle sedute del consiglio comunale, saranno trasmesse in streaming attraverso il sito web del comune .

Il presidente del Municipio, d’intesa con i capigruppo consiliari, avrà la facoltà di convocare sedute “aperte” del Consiglio, alle quali potranno partecipare i cittadini, anche fuori dalla sede istituzionale, per motivi di particolare e rilevante interesse. Tra le nuove competenze attribuite ai Municipi, la ricezione e l’istruzione delle istanze per l’ottenimento dell’abbonamento per il trasporto gratuito sulle linee Amt e Ast, riservato alla persone anziane o con disabilità. Particolarmente soddisfatto il presidente del consiglio comunale Giuseppe Castiglione.

Le sei circoscrizioni di Catania diventano Municipi, assumendo in una nuova prospettiva il concetto di partecipazione attiva dei cittadini nell’esercizio della cosa pubblica. Ringrazio tutto il consiglio e in particolare il presidente della VIII commissione Seby Anastasi per il contributo al dibattito e posso annunciare che a breve metteremo mano al regolamento sul funzionamento dell’assemblea vecchio di oltre 25 anni e ormai inadatto a regolare i lavori dell’aula”.

“La nostra proposta – ha spiegato Alessandro Porto, che ha rappresentato l’amministrazione in aula durante tutte le fasi del dibattito -oltre a essere stata raccordata preventivamente coi presidenti delle circoscrizioni, su precisa indicazione del sindaco Pogliese raccoglie gran parte delle indicazioni della commissione consiliare. E’ un lavoro articolato che tiene conto delle esperienze più avanzate in Italia in tema di decentramento, su cui il consiglio comunale ha dato contributi di competenza e lungimiranza”.

Nella seduta di ieri sera, il consiglio comunale ha anche deliberato l’istituzione della nuova commissione consiliare speciale denominata “Patto per Catania”, nelle scorse settimane sollecitata dal consigliere Luca Sangiorgio.


Correlati