Terremoto sull’Etna, torna la paura. L’aeroporto riprende la regolare attività

Scossa di magnitudo 3.3 nelle zone colpite dal sisma di Santo Stefano. Torna l’eruzione: limitazioni nello scalo di Catania, ma dalle 14 tutto riaperto. VIDEO

Terremoto sull’Etna, torna la paura. L’aeroporto riprende la regolare attività
Photo Credit To Giò Giusa

ROMA – Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata alle 3.06 in provincia di Catania, alle pendici orientali dell’Etna.

Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 9 km di profondità ed epicentro tra i comuni di Milo, Sant’Alfio e Zafferana Etnea. Non si segnalano danni a persone o cose.

Intanto il vulcano dà importanti segnali di attività. L’ennesima risalita di energia nei condotti magmatici interni dell’Etna ha portato a una nuova fase eruttiva con l’emissione di cenere lavica dai crateri sommitali.

I fenomeni sono monitorati dall’Ingv-Oe. Il fenomeno è circoscritto ad alta quota, ma, per precauzione l’unità di crisi dell’aeroporto di Catania ha disposto la chiusura di due settori dello spazio aereo, consentendo l’arrivo di 4 aeromobili ogni ora.

Ma dalle 14, considerata l’attenuazione dell’attività esplosiva dell’Etna tutti i settori dello spazio aereo sulla Sicilia orientale sono stati riaperti. Potranno comunque verificarsi ritardi e disagi, ma la situazione dovrebbe presto tornare alla normalità.


Correlati