Catania, ragazzini aggrediti in via Archimede

Una 13enne e un 17enne aiutano un giovane guineano ad accendere il motorino, lui li prende a pugni. Ferita anche una guardia giurata

Catania, ragazzini aggrediti in via Archimede

CATANIA – La Polizia di Catania ha arrestato Mohamed Jollow, diciottenne della Guinea, senza fissa dimora, per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, danneggiamento ai beni dello Stato e aggressione a due ragazzini.

Ieri pomeriggio la volante in transito in viale Libertà è stata fermata da un ragazzino in forte stato di agitazione che riferiva che all’ingresso del terminal degli autobus in via Archimede era in corso una colluttazione e che era stato poco prima aggredito da un uomo di colore.

Gli agenti giunti sul posto hanno trovato una guardia giurata che tentava di contenere un extracomunitario, che scalciava e si dimenava urlando. Anche di fronte ai poliziotti l’uomo ha continuato a urlare e a sferrare calci, anche una volta dentro l’auto ha danneggiato il finestrino e la portiera.

Giunto in questura, gli agenti hanno ricostruito i fatti, anche in seguito alle denunce delle vittime dell’aggressione e dalle guardie giurate intervenute in soccorso. Jollow aveva chiesto a due minorenni, una ragazza di 13 anni e l’altro di 17, di aiutarlo ad accendere il motorino e non soddisfatto dell’aiuto che i due giovani gli avevano prestato è andato letteralmente fuori di testa, sferrando pugni contro i due ragazzini, difesi dalla guardia giurata, colpita anche lei con altri pugni.

I due minorenni sono stati accompagnati al pronto soccorso: prognosi per trauma cranico di 10 giorni al ragazzo e 6 giorni di prognosi per la ragazza. Per la guardia giurata aggredita 10 giorni di prognosi per trauma toracico ed escoriazioni sparse. Feriti anche due poliziotti.

Jollow, che risultava aver presentato la richiesta di soggiorno per motivi umanitari, è stato portato nella casa circondariale di Piazza Lanza in attesa della convalida del gip.


Correlati