Cancelleri viceministro Infrastrutture. Scoppia il caso: “Violate le regole del M5s”

Luca Ciliberti. Il deputato Ars e storico portavoce del Movimento 5 stelle siciliano entra a far parte della squadra del Conte bis. L’europarlamentare Giarrusso: “Non può abbandonare un ruolo elettivo prima della scadenza”. TUTTE LE NOMINE

Ecco chi sono i sottosegretari siciliani

FOTO: i sei nominati del governo Conte bis

Cancelleri viceministro Infrastrutture. Scoppia il caso: “Violate le regole del M5s”

ROMA – Sono 42 i sottosegretari del governo Conte. 21 i sottosegretari M5s, 18 i Dem, 2 i rappresentanti di Leu, 1 del Maie. Il Movimento conserva dunque una maggioranza di sottosegretari e anche di viceministri: ne avrà 6, mentre quattro saranno del Partito democratico.

Fra i siciliani arrivano due posti da viceministro per Giancarlo Cancelleri (M5s) alle Infrastrutture e Vito Crimi agli Interni. Completano il quadro quattro sottosegretari: Manlio Di Stefano (M5s) agli Esteri, Alessio Villarosa (M5s) scelto per l’Economia, Stanislao Di Piazza (M5s) al Lavoro e Lucia Azzolina (M5s) all’Istruzione.

Mario Turco (M5s) alla programmazione economica e investimenti e Andrea Martella (Pd) all’Editoria sono i due nuovi sottosegretari alla presidenza del Consiglio. Non risulta assegnata la delega ai Servizi, che dovrebbe tenere il premier Giuseppe Conte. Ai Rapporti con il Parlamento andranno Simona Malpezzi (Pd) e Gianluca Castaldi (M5s). Agli Affari europei Laura Agea (M5s).

Agli Esteri, con i viceministri Marina Sereni (Pd) e Emanuela Del Re (M5s), ci saranno da sottosegretari Ivan Scalfarotto (Pd), Manlio Di Stefano (M5s), Riccardo Merlo (Maie). All’Interno con Matteo Mauri (Pd) e Vito Crimi (M5s), Achille Variati (Pd) e Carlo Sibilia (M5s). Alla Giustizia Vittorio Ferraresi (M5s) e Andrea Giorgis (Pd). Alla Difesa Angelo Tofalo (M5s) e Giulio Calvisi (Pd).

All’Economia, con i viceministri Antonio Misiani e Laura Castelli andranno Pierpaolo Baretta (Pd), Alessio Villarosa (M5s) e Cecilia Guerra (Leu). Al Mise sarà viceministro Stefano Buffagni e sottosegretari Alessandra Todde (M5s), Mirella Liuzzi (M5s), Gianpaolo Manzella (Pd), Alessia Morani (Pd). Alle politiche agricole Giuseppe L’Abbate (M5s).

All’Ambiente Roberto Morassut (Pd), alle Infrastrutture da viceministro Giancarlo Cancelleri (M5s) e da sottosegretari Roberto Traversi (M5s) e Salvatore Margiotta (Pd). Al Lavoro Stanislao Di Piazza (M5s) e Francesca Puglisi (Pd).

All’Istruzione Lucia Azzolina (M5s) e Anna Ascani (viceministro Pd). Giuseppe De Cristofaro (Leu). Alla Cultura Anna Laura Orrico (M5s) e Lorenza Bonaccorsi (Pd). Alla salute viceministro M5s Pierpaolo Sileri e sottosegretario Pd Sandra Zampa.

I 42 sottosegretari giureranno lunedì alle 10 a Palazzo Chigi.

Cancelleri nel pomeriggio si è dimesso da tutti gli incarichi ricoperti in Regione pronto a volare a Roma per cominciare il suo nuovo mandato. “L’incarico che mi è stato conferito mi riempie di orgoglio e soddisfazione, ma mi attribuisce anche un’ enorme responsabilità che cercherò di onorare col massimo impegno, come del resto, ho sempre fatto finora all’interno del Movimento e come portavoce del gruppo regionale all’Ars” afferma Giancarlo Cancelleri,  a commento della nomina a viceministro delle Infrastrutture e Trasporti appena arrivata da Roma.

“Ci sarà – dice Cancelleri – moltissimo da lavorare e non vedo l’ora di cominciare a farlo per cercare di dare quelle risposte che in questi nevralgici settori si aspetta I’Italia e, soprattutto, la Sicilia, dove la rete viaria e le infrastrutture in genere sono messe malissimo e per i trasporti c’è tantissimo da fare. Un ringraziamento particolare va a tutti gli attivisti siciliani che col loro sostegno hanno contribuito in maniera determinante a portare il Movimento al governo nazionale, a tutti i portavoce siciliani e ai colleghi del gruppo parlamentare all’Ars, compagni di tante battaglie”.

Ma la scelta di Di Maio non è piaciuta ad alcuni portavoce, così scoppia il caso. Dino Giarrusso (M5s) rivela che nelle chat interne, gli attivisti protestano veementemente: “I militanti ci dicono che nelle nostre regole c’era scritto che chi, come Cancelleri, ha un ruolo elettivo, non può abbandonarlo prima della scadenza. Questa è una scelta che bisognerà spiegare. Nulla contro la persona o il politico, ma è chiaro che ad ogni azione corrisponde una reazione – spiega – In un momento così impegnativo, con una alleanza così difficile da fare digerire ai nostri storici attivisti sarebbe opportuno quantomeno rispettare le nostre regole per non finire in pasto ai nostri detrattori”.


Correlati