Incubo nella camera da letto dei coniugi: fermato dopo un colpo da un milione

Quattro rapinatori fanno irruzione con le pistole in una villa di Trapani e sventrano la cassaforte: uno di loro tradito dal dna. VIDEO

Incubo nella camera da letto dei coniugi: fermato dopo un colpo da un milione

TRAPANI – La polizia di Trapani ha arrestato un pluripregiudicato ritenuto tra gli autori della rapina dello scorso 21 gennaio nella villa dei coniugi Salone-Maltese, in via Europa a Casa Santa.

Quella notte quattro malfattori hanno fatto irruzione nella camera da letto di marito e moglie col volto coperto e con le luci da speleologo in testa, facendosi consegnare i preziosi sotto la minaccia di una pistola; quindi hanno narcotizzato la donna con l’utilizzo dell’etere, legandole polsi e caviglie con delle fascette in plastica, e si sono diretti col signor Salone al piano di sotto alla ricerca del caveau.

Aperto un varco nella parete, si sono impossessati di circa 30.000 euro in contanti e preziosi dal valore di circa un milione di euro, portando via anche una pistola “Smith & Wesson” custodita dal proprietario nel comodino della sua camera da letto.

Il dna presente in casa ha permesso di identificare il noto pluripregiudicato trapanese Francesco Paolo Cammareri, già condannato a oltre 20 anni di reclusione che in ragione di una certificata patologia stava espiando in regime di detenzione domiciliare.


Correlati