Catania, pestato a sangue per le ciabatte

Aggredito a Etnaland dal branco dopo un furto. Il padre: “Lo hanno preso anche a colpi di pietre, nessuno è intervenuto”

Catania, pestato a sangue per le ciabatte

CATANIA – Picchiato selvaggiamente per un paio di ciabatte. Un giovane di Bagheria si è ritrovato in ospedale con naso e zigomo fratturati per colpa del branco che lo ha attaccato a Etnaland, il parco divertimenti di Belpasso.

La storia è stata raccontata dal padre su Facebook: “Un ragazzo ha rubato le ciabatte a mio nipote – dice Tony Tarantino – e mio figlio è andato a farsele ridare. E’ stato aggredito da una decina di persone e colpito anche con pietre. Nessuno interveniva, solo alcune donne, nessuna guardia della struttura. Neppure esiste un servizio di telecamere interne ed esterne. Insomma una vergogna totale. I carabinieri hanno solo potuto accompagnarlo al pronto soccorso, dove mio figlio sarà a breve operato. Spero che questi animali vengano rintracciati”.

La vicenda ha sollevato l’indignazione sui social. Qualcuno su Facebook scrive: “Questi furti capitano spesso. Io e la mia famiglia andiamo sempre con ciabatte vecchie o di poco valore, perché un giorno siamo stati costretti a raggiungere il parcheggio a piedi nudi”.


Correlati