Corruzione, agente penitenziario in cella

Un poliziotto in servizio a Siracusa avrebbe fatto favori ai detenuti o ai loro familiari, consentendo di eludere le restrizioni previste per soggetti dietro le sbarre

Corruzione, agente penitenziario in cella

SIRACUSA – Un agente di polizia penitenziaria Paolo Zagarella, 55 anni, in servizio a Siracusa, è stato arrestato con l’accusa di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, peculato e false attestazioni. Secondo gli investigatori avrebbe fatto “favori ai detenuti o ai loro familiari, procacciando beni o veicolando informazioni sia dall’esterno della struttura penitenziaria, sia verso il suo interno, così consentendo di eludere le restrizioni previste per i detenuti”.

L’inchiesta è coordinata dal procuratore della Repubblica a Siracusa Fabio Scavone. L’arresto è stato eseguito dai carabinieri dalla polizia penitenziaria. Zagarella è stato rinchiuso nel carcere  di Catania.


Correlati