Violenta rissa alla Villa romana del Casale

Tre arresti a Piazza Armerina per una lite tra commercianti del sito archeologico: ceramiche rotte, tavoli in aria e feriti. VIDEO

Violenta rissa alla Villa romana del Casale

PIAZZA ARMERINA (ENNA) – Operazione «Piccolo Circo» della Polizia di Enna: in manette gli autori di una violenta rissa con feriti avvenuta nell’area commerciale del sito Unesco della Villa Romana del Casale.

Lo scorso aprile i poliziotti si sono recati nel sito archeologico dopo diverse chiamate arrivate al 112 che segnalavano una violenta rissa tra commercianti di souvenir. In particolare venivano segnalati “tavoli scagliati in aria e ceramiche rotte”.

Giunti sul posto immediatamente, a dispetto di una apparente calma, i poliziotti hanno notato alcuni commercianti che presentavano vistosi lividi, alcuni claudicanti, altri ancora con indumenti strappati e tracce di sangue e frammenti di ceramiche per terra.

Uno di loro ha riferito che la lite era scaturita dalla collocazione di alcuni tavoli che erano stati collocati in prossimità dei suoi stand espositivi, occupando abusivamente il suolo pubblico e senza alcuna autorizzazione. Il commerciante leso ha preso a sua volta un espositore e lo ha collocato accanto a quello dei concorrenti commerciali. Da qui la rissa anche con l’uso di una spranga di ferro e di bastoni di legno.

In manette sono finiti in tre: Benedetto (“Benito”) Lo Presti, 64 anni, pluripregiudicato, il figlio Francesco, 26 anni, e il nipote 26enne Francesco. Altre due perone sono state denunciate.


Correlati