Inseguimento a Librino: aggrediscono poliziotti per difendere un pregiudicato

Catania. Un 21enne non si ferma all'alt: fuga in scooter e schianto contro un autobus, poi la gente del quartiere spintona gli agenti

CATANIA – Ieri pomeriggio la polizia di Catania ha arrestato Vincenzo Napoli, 21 anni, che deve espiare una pena di 4 mesi e 17 giorni di reclusione.
Gli agenti transitando nel quartiere Librino hanno notato sopraggiungere ad alta velocità un motorino che non si è fermato all’alt e alla vista della Volante ha repentinamente accelerato.
Durante la corsa, il passeggero del motorino si è voltato ripetutamente, permettendo ai poliziotti di riconoscerlo, in quanto destinatario di un ordine di carcerazione.
L’inseguimento si è prolungato per le strade del quartiere, percorse ad alta velocità, creando pericolo per pedoni e automobilisti, fino a quando i due, perso il controllo del mezzo, si sono schiantati contro un autobus.
Nonostante il forte impatto, entrambi sono riusciti a rialzarsi per tentare la fuga a piedi, ma il passeggero è stato raggiunto e bloccato dai poliziotti. L’uomo, che durante la fuga aveva tentato di disfarsi di una pistola a salve con caricatore, recuperata dai poliziotti, ha fornito false generalità, urlando nel tentativo di richiamare l’attenzione di altre persone presenti sul posto le quali, per “difenderlo”, hanno minacciato e spintonato gli agenti.
Oltre a procedere all’esecuzione dell’ordinanza emessa dal Tribunale di Catania il 29 aprile scorso, Napoli è stato arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale ed è stato denunciato per il reato di false generalità.

scroll to top
Hide picture