Pullman del Comune senza assicurazione: disabile di Monreale escluso dalla gita

Il ragazzino aveva partecipato a una manifestazione organizzata dal sindaco ma non ha potuto fare rientro a scuola

Pullman del Comune senza assicurazione: disabile di Monreale escluso dalla gita

MONREALE (PALERMO) – Era pronto per andare da Pioppo per partecipare ad una manifestazione promossa dal comune di Monreale per festeggiare l’8 marzo. Eppure al ragazzo con disabilità intellettiva non è stato consentito di salire sul pullman, perchè, secondo quanto ricostruito, mancava la copertura assicurativa. Lo denuncia l’Anffas Palermo che è stata contattata dalla famiglia dello studente che frequenta la scuola media.

“Da quanto riferito all’alunno non sarebbe stato permesso di usufruire del servizio di pullman messo a disposizione dal comune, in quanto persona con disabilità – dice l’ associazione nazionale famiglie di persone disabili – Sarebbe stato invece possibile trasportarlo insieme ad un assistente, al quale è stato negato l’accesso, poiché mancava un’assicurazione”.

Dice il sindaco di Monreale, Piero Capizzi: “Apriremo subito una verifica interna e valuteremo quali azioni intraprendere. Mi sembra strano che sia potuta accadere una vicenda del genere. Forse i familiari del ragazzino non avevano fatto un’apposita richiesta indicando le condizioni del loro congiunto. In quel caso ci saremmo subito attrezzati. Gli scuola bus non sono infatti predisposti a trasportare disabili o persone estranee al personale autorizzato. Sarà quindi stata una decisione assunta per problemi di responsabilità e sicurezza”.

Il ragazzino all’andata è stato accompagnato alle celebrazioni dalla madre. Ma al ritorno è stato riportato a casa dalla dirigente dell’istituto. Anffas aveva contattato l’amministrazione, ricevendo invece le rassicurazioni che, almeno, da Monreale a Pioppo l’alunno sarebbe rientrato insieme ai suoi compagni. A queste rassicurazioni si sono aggiunte poi le scuse alla famiglia per quanto accaduto. “Ma purtroppo, a differenza di ciò che avevamo immaginato – prosegue la nota di Andffas – le aspettative sono state disattese e allo studente non è stato consentito di accedere al servizio pullman nemmeno nella tratta di ritorno”.


Correlati