I social vincono sulla carta stampata

Negli Stati Uniti sorpasso della rete sui mezzi tradizionali. Anche in Italia aumentano i fruitori di Facebook e social in generale ma crolla la credibilità

Negli Stati Uniti i social media hanno superato i quotidiani come fonte di notizie: un adulto americano su cinque afferma di preferire le notizie attraverso i social, leggermente superiore alla percentuale che invece utilizza il giornale cartaceo, il 16%.

Nel 2017, la percentuale di chi riceveva notizie attraverso i social media era uguale a quella di chi apprendeva notizie dai quoditiani.

Secondo un’indagine condotta dal Pew Research Center all’inizio di quest’anno, il sorpasso è emerso dopo anni di costante calo nella diffusione dei giornali.

news
Pew Research Center

Nel complesso, la televisione resta ancora la piattaforma più popolare per le notizie, anche se il suo utilizzo è diminuito rispetto al 2016. I siti web di notizie sono la fonte più diffusa, seguiti dalla radio, e infine dai social media. Per ultimo i giornali cartacei.

Tra i tre diversi tipi di notiziari televisivi la tv locale rimane la più popolare: il 37% la utilizza spesso per le notizie, rispetto al 30% che fruisce di notiziari via cavo e al 25% che guarda notiziari serali nazionali.

La popolarità della stampa persiste solo tra i 65enni e più anziani.

I siti di notizie online sono più popolari tra le persone di età compresa tra i 30 e i 49 anni.  Per i giovani i social media sono la piattaforma più popolare: il 36% li usa per le notizie, mentre solo il 16% usa la tv, il 13% la radio e infine solo il 2% la stampa.

E in Italia?

La televisione registra una leggera flessione dei telespettatori, determinata dal calo delle sue forme di diffusione più tradizionali mentre continua a crescere la tv in streaming su internet. In aumento anche coloro che utilizzano gli smartphone  e i social network.

Prosegue invece la crisi della stampa, a partire dai quotidiani che nel 2007 erano letti dal 67% degli italiani e solo dal 37,4% nel 2018. Questo calo non viene però compensato dai siti di informazione online, che nello stesso periodo di riferimento hanno registrato un aumento dell’utenza solo del 5,2% passando dal 21,1% al 26,3%.

Anche i lettori di libri in Italia continuano a diminuire anno dopo anno. Se nel 2007 il 59,4% degli italiani aveva letto almeno un libro nel corso dell’anno, nel 2018 il dato è sceso al 42%.

Nella graduatoria dei media che gli italiani utilizzano per informarsi, telegiornali e Facebook sono ancora in vetta. Ma mentre i tg rafforzano la loro posizione, nell’ultimo anno Facebook ha subito una battuta d’arresto. In calo anche YouTube.

Infine la radio ottiene il primato della credibilità, con il 69,7% di italiani che la considerano molto o abbastanza affidabile.

Continua su HWReload


Post source : HWReload.it