Il tracollo del bitcoin, vale la metà di dicembre

La criptovaluta scende sotto il tetto dei diecimila dollari. L’Unione europea: “Piano d’azione sulla tecnologia finanziaria”

Il tracollo del bitcoin, vale la metà di dicembre

ROMA – Quotazioni in caduta libera per il Bitcoin: la criptovaluta è scesa sotto 10.000 dollari, ai minimi da novembre, in calo di quasi il 50% dai massimi record segnati a dicembre. Alle 15.38 il Bitcoin vale 9.502 dollari.

Sulla piattaforma Bitstamp perde il 15,60% a 9.610,13 dollari, su quella Coinbase la flessione arriva al 17,24% a 9.550,04 dollari. Pesanti anche i future: quello del Cboe con scadenza a febbraio cede il 12,60% a 9.710,00 dollari, mentre quello del Cme con scadenza in gennaio arretra del 13,58% a 9.645,00 dollari.

L’Unione europea ha in programma un “piano d’azione imminente sulla tecnologia finanziaria che esaminerà anche il problema del bitcoin e verrà presentato in primavera”, così come annunciato dal portavoce della Commissione europea Vanessa Mock rispondendo ai giornalisti a Bruxelles.

In riferimento a una possibile stretta normativa a livello comunitario, Mock ha precisato che “è ancora troppo presto per arrivare a conclusioni”. Tuttavia, ha ricordato la portavoce, Bruxelles “segue da molto vicino” l’andamento delle criptovalute e del bitcoin e ha chiesto urgentemente alle autorità europee di vigilanza finanziaria (Eba, Esma e Eiopa) di aggiornare le proprie comunicazioni e avvertenze ai consumatori a seguito dei recenti sviluppi di mercato.


Correlati