Anche in Sicilia il robot albergatore

"Pepper" è stato 'assunto' da una catena di hotel: darà informazioni ai turisti, ma sa anche cantare e ballare

VERONA – Si chiama ‘Pepper’ ed è un robot formato ad hoc per dare una serie di informazioni di servizio alberghiero, sul tempo libero e turistico della zona, ‘assunto’ in prova dalla società bresciana Bellatrix srl che vanta 13 hotel tra il Lago di Garda e la Sicilia.
Il suo esordio è avvenuto al Bellatrix di Peschiera del Garda, tra la meraviglia dei clienti la maggior parte dei quali oltre a porre domande specifiche (con esatta risposta) non si sono sottratti al rito della foto accanto all’umanoide che ha fatto la sua apparizione per la prima volta in Italia in un hotel.
Il progetto della Ciset dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e, per la parte tecnica, della Promoservice di Chiarano (Treviso) che ora sta sottoponendo Pepper, di lingua madre italiana, a un ‘forzato’ corso di inglese e di tedesco. E’ prodotto dalla giapponese SoftBank Robotics, ed è il primo esempio italiano di applicazione dell’intelligenza artificiale in ambito alberghiero.
Sa ballare e cantare, e fornisce, tra l’altro, orari e altri dettagli sul ristorante (menù, prenotazione tavoli), sui treni e altre informazioni utili. “Stiamo sperimentando – ha detto Gianpaolo Donini, portavoce dell’hotel – e, per quello che ho visto, il test è stato un successo, Pepper dà le risponde giuste ai clienti. Serve per le informazioni spicciole a supporto della receptionist”.

scroll to top
Hide picture