Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
venerdý, 20 ottobre 2017

Stancanelli incontra l'ordine degli avvocati


Continuano gli incontri del Sindaco Raffaele Stancanelli con gli ordini professionali e le categorie produttive di Catania. Dopo aver dialogato con gli ordini degli ingegneri, degli architetti, degli agronomi e dei commercialisti, questo pomeriggio è stata la volta degli avvocati. Un confronto diretto e costruttivo con professionisti che hanno competenze specifiche e che possono, quindi, validamente offrire risorse e porre le condizioni per una nuova stagione di sviluppo.

“L’intento di questi appuntamenti – ha spiegato il Sindaco Stancanelli ai presenti– è quello di ribadire l’importanza che ho sempre dato, in questi cinque anni, a un rapporto collaborativo con ordini professionali, categorie, esponenti del mondo culturale per realizzare un sano modello di concertazione. Per quanto riguarda, poi, questo ordine io nasco come avvocato e, quindi, ho sempre avuto a cuore la categoria e il tema della giustizia”.

Nell’ambito di questo “centro di ascolto”, il presidente del Consiglio Ordine degli Avvocati di Catania, Maurizio Magnano di San Lio, ha esposto la questione relativa all’edilizia giudiziaria a Catania. “Gli spazi sono insufficienti – ha dichiarato Magnano di San Lio – e dal 13 settembre la situazione diventerà più complicata perché tutto verrà concentrato in piazza Verga. Questo comporterà un grosso problema di circolazione nei pressi del Tribunale”.

Il Sindaco Stancanelli ha manifestato tutto il suo interesse a voler risolvere la questione, prospettando due soluzioni: la creazione di una cittadella giudiziaria a Librino o lo spostamento degli uffici nella struttura che si trova di fronte l’ex Palazzo delle Poste di viale Africa. “Ho già accennato la questione a Giuseppe Berretta, Sottosegretario alla Giustizia – ha dichiarato il Sindaco- e discuteremo proprio di questo. Naturalmente, prima di prendere qualsiasi decisione, vorrò ascoltare il vostro parere. Ritengo, infatti, che il metodo della collaborazione e del confronto è fondamentale per raccogliere quelle idee che aiutano un buon amministratore a progettare un lavoro comune nell'interesse della città".
Continuano gli incontri del Sindaco Raffaele Stancanelli con gli ordini professionali e le categorie produttive di Catania. Dopo aver dialogato con gli ordini degli ingegneri, degli architetti, degli agronomi e dei commercialisti, questo pomeriggio è stata la volta degli avvocati.
Un confronto diretto e costruttivo con professionisti che hanno competenze specifiche e che possono, quindi, validamente offrire risorse e porre le condizioni per una nuova stagione di sviluppo.
“L’intento di questi appuntamenti – ha spiegato il Sindaco Stancanelli ai presenti– è quello di ribadire l’importanza che ho sempre dato, in questi cinque anni, a un rapporto collaborativo con ordini professionali, categorie, esponenti del mondo culturale per realizzare un sano modello di concertazione. Per quanto riguarda, poi, questo ordine io nasco come avvocato e, quindi, ho sempre avuto a cuore la categoria e il tema della giustizia”.
Nell’ambito di questo “centro di ascolto”, il presidente del Consiglio Ordine degli Avvocati di Catania, Maurizio Magnano di San Lio, ha esposto la questione relativa all’edilizia giudiziaria a Catania. “Gli spazi sono insufficienti – ha dichiarato Magnano di San Lio – e dal 13 settembre la situazione diventerà più complicata perché tutto verrà concentrato in piazza Verga. Questo comporterà un grosso problema di circolazione nei pressi del Tribunale”.
Il Sindaco Stancanelli ha manifestato tutto il suo interesse a voler risolvere la questione, prospettando due soluzioni: la creazione di una cittadella giudiziaria a Librino o lo spostamento degli uffici nella struttura che si trova di fronte l’ex Palazzo delle Poste di viale Africa.
“Ho già accennato la questione a Giuseppe Berretta, Sottosegretario alla Giustizia – ha dichiarato il Sindaco- e discuteremo proprio di questo. Naturalmente, prima di prendere qualsiasi decisione, vorrò ascoltare il vostro parere. Ritengo, infatti, che il metodo della collaborazione e del confronto è fondamentale per raccogliere quelle idee che aiutano un buon amministratore a progettare un lavoro comune nell'interesse della città".





Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.