Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
domenica, 24 settembre 2017

Pubblicato: 20/05/2013

Licata, ucciso dal debitore

Secondo la Procura di Agrigento l'imprenditore Giovanni Brunetto, scomparso due settimane fa, Ŕ stato sequestrato e ammazzato da Angelo CaritÓ con l'aiuto di un complice. La vittima vantava un credito di oltre 40 mila euro, ma il corpo non Ŕ stato ancora trovato

LICATA (AGRIGENTO) - Sarebbe stato ucciso dalla persona dalla quale vantava un credito, una somma oscillante tra 40 e 100 mila euro accumulata negli anni per un fantomatica eredità che l'omicida avrebbe dovuto incassare. E' la tesi della Procura di Agrigento sulla scomparsa di un piccolo imprenditore agricolo di Licata, Giovanni Brunetto, 60 anni, del quale non si hanno notizie dallo scorso 7 maggio.

A ucciderlo, secondo l'accusa, sarebbero stati il debitore Angelo Carità, di 58 anni, e un suo fiancheggiatore, Angelo Bianchi, di 37. Nei loro confronti il gip di Agrigento, accogliendo la richiesta della Procura, ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per Carità, e ai domiciliari nell'ospedale di Gela per Bianchi.

Quattro ore prima di scomparire, Brunetto aveva avuto un'accesa discussione con Carità. Le dichiarazioni acquisite dalla polizia e dalla Procura di Agrigento hanno permesso di ricostruire il fatto che Brunetto, da tempo e con forti insistenze, chiedesse la restituzione delle somme che aveva prestato a Carità. Entrambi gli indagati hanno negato non soltanto i rapporti conflittuali ma anche l'esistenza del debito.

Particolari che sono stati, invece, smentiti da tutti i testi, fra congiunti, parenti e amici di Brunetto, che la polizia ha sentito. Carità e Bianchi avrebbero inoltre fornito un falso alibi perché hanno reso dichiarazioni discordanti in merito ai tempi degli spostamenti eseguiti. I due - per la Procura - avevano concordato le dichiarazioni da rendere agli investigatori, ma non i particolari . L'analisi delle celle telefoniche dei cellulari in possesso di Carità e Bianchi ha inoltre permesso d'accertare che, contrariamente a quanto i due avevano dichiarato, non si trovassero a Licata il giorno della scomparsa, ma nei pressi di Naro, laddove è stata, qualche giorno dopo, ritrovata l'autovettura di Brunetto.

I due sono dunque indagati per sequestro di persona, omicidio aggravato e occultamento di cadavere. Il corpo di Brunetto non è stato trovato, ma gli investigatori escludono l'ipotesi del suicidio o dell'allontanamento volontario. Carità e Bianchi sono stati fermati dalla polizia, ma il gip non ha convalidato il fermo, per un vizio tecnico; ha invece emesso l'ordinanza cautelare.






Per commentare l'articolo Ŕ necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, Ŕ possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso Ŕ necessaria la verifica, basterÓ cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.