Facebook | Twitter | RSS | Scrivi alla redazione
martedì, 24 gennaio 2017

Paternò: diede fuoco al cugino
convalidato l'arresto per omicidio

Accolta la richiesta del pm Marisa Scavo: Antonino Marino resta piantonato dalla polizia nell'ospedale Cannizzaro di Catania, dove è ricoverato per le ustioni che si è procurato durante l'aggressione

PATERNÒ (CATANIA) - Il Gip di Catania, Loredana Pezzino, accogliendo la richiesta del pm Marisa Scavo, ha convalidato l'arresto, eseguito da carabinieri, per omicidio volontario di Antonino Marino, il 36enne di Paternò accusato di avere appiccato il fuoco, per una lite condominiale, al cugino Antonino Marco Castro, di 25 anni, morto ieri all'ospedale Civico di Palermo per le gravissime ustioni riportate.

Il Giudice per le indagini preliminari ha anche emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell'indagato, assistito dall'avvocato Graziella Russo. Marino resta ancora, piantonato dalla polizia penitenziaria, nell'ospedale Cannizzaro di Catania, dove è ricoverato per ustioni che si è procurato durante la mortale aggressione al cugino.




Per commentare l'articolo è necessario autenticarsi tramite un account Facebook, Twitter o Google. In alternativa, è possibile registrarsi su Disqus utilizzando un indirizzo di posta elettronica valido (solo per primo accesso è necessaria la verifica, basterà cliccare sul link che riceverete nella casella di posta indicata). Grazie per la collaborazione.
Importante: i commenti e i nickname non dovranno contenere espressioni volgari o scurrili, offese razziali o verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale, istigazioni alla violenza.
La redazione si riserva di cancellare commenti ritenuti non idonei.